Fillon Maillet vince in Austria
Fillon Maillet vince in Austria

Hochfilzen (Austria)12 dicembre 2020 - In una Francia globalmente competitiva con più atleti il nuovo leader del movimento è senza dubbio Quentin Fillon Maillet: difficile trovare un erede di Martin Fourcade, ma dopo l'addio del Signore del Biathlon è chiaro che e maggiori speranze siano riposte in questo atleta, capace di vincere in maniera eccellente l'inseguimento di Hochfilzen partendo dietro al vincitore della scorsa sprint Johannes Dale.

La gara

Sotto una fitta nevicata la differenza l'ha fatta al poligono: Fillon Maillet è stato enciclopedico nelle sessioni di tiro ed è andato a riprendere Dale sin dal primo tiro a terra dove con grande velocità si è riportato sul norvegese che aveva commesso un errore. Nelle tornate successive si è formato un bellissimo quartetto che comprendeva anche l'altro francese Jacquelin più Johannes Boe, ma poi a fare la differenza sono state le sessioni di tiro in piedi dove si sono viste le differenze di forze in campo della giornata di oggi. Fillon Maillet oltre a non sbagliare ha trovato una velocità d'esecuzione impeccabile e ha lasciato lì tutta la concorrenza, compreso il connazionale Jacquelin che è stato l'ultimo ad alzare bandiera bianca, ma che dopo un rilevamento cronometrico ancora superiore ai dieci secondi ha compreso di non poter rappresentare un'insidia per il compagno di squadra. La terza posizione va al vincitore della sprint Dale che ha pasticciato al poligono, seguito da Johannes Boe che chiude questo weekend senza podi individuali.

Gli italiani

La gara di Hofer ha del clamoroso: partiva dalla cinquantesima posizione ed è arrivato diciassettesimo grazie a una prova impressionante tra sci e poligono. Bene anche Bormolini che chiude venticinquesimo e si conferma in zona punti. Punti che sfuggono a Bionaz solo per dieci secondi, col quarantaduesimo tempo al traguardo, mentre Windisch chiude 51esimo con tanti errori al tiro e una forma fisica che tornerà più avanti, magari già nella staffetta di domani.

 

Leggi anche: impresa di Marta Bassino nel gigante di Courchevel