Beat Feuz vince la discesa libera di Kitzbuehel (Ansa)
Beat Feuz vince la discesa libera di Kitzbuehel (Ansa)

Kitzbuhel, 24 gennaio 2021 – In tanti anni di carriera non aveva mai vinto sulla Streif, in due giorni l’ha conquistata altrettante volte. Beat Feuz è il nuovo imperatore di Kitzbuhel e dopo la vittoria di venerdì è arrivato il bis. Quasi perfetto lo svizzero in una discesa influenzata dalla nebbia in alto, solo nella stradina centrale ha prestato il fianco ai rivali ma non abbastanza per Clarey, secondo, e Mayer, terzo. Feuz si prende anche la leadership della coppa di specialità.

Feuz stratosferico in fondo

Prova concreta per Feuz che ha addomesticato la Steilhang senza essere perfetto, infatti ha pagato sulla stradina una velocità non altissima, lasciando ai rivali 4 decimi, ma la seconda parte è stata invece esemplare, con un recupero su Clarey, sceso prima di lui, culminato con 17 centesimi di vantaggio: 1’55”29 per Feuz, 1’55”46 per Clarey che ha così conquistato il settimo podio in carriera senza successi. Per i padroni di casa ci ha provato Matthias Mayer, anche lui ha guadagnato nella stradina trovandosi avanti di pochi centesimi a metà gara, ma ha poi pagato dazio nel finale dovendosi accontentare della terza piazza a 38 centesimi. In ripresa Christof Innerhofer dopo il recupero dall’infortunio e il Covid, per lui un ottimo quarto posto che lo ripropone ad alti livelli, peccato solo per i 4 decimi persi nella stradina che gli sono costati il podio visti gli 86 centesimi di ritardo finali. Per i mondiali ci sarà anche lui. Più in difficoltà oggi Dominik Paris, limitato dalla nebbia nella parte alta e in generale con qualche sbavatura di troppo, per lui settimo posto a 1”18. Il successo di oggi di Feuz consente un ribaltamento in vetta alla coppa di specialità, con lo svizzero che si prende il pettorale rosso con 326 punti davanti a Mayer con 298 e Clarey con 217. Domani il supergigante.

Classifica discesa Kitzbuhel

1 Feuz 1’55”29
2 Clarey +0.17
3 Mayer +0.38
4 Innehofer +0.86
5 Baumann +0.97
6 Sander +1.00
7 Paris +1.18
8 Striedinger +1.20
9 Bailet +1.22
10 Odermatt +1.32








Leggi anche - Sci, Goggia è la regina della velocità: "Non ho sciato bene, ma è un anno fantastico"