Jan Tratnik celebra la vittoria sul traguardo di San Daniele del Friuli (Ansa)
Jan Tratnik celebra la vittoria sul traguardo di San Daniele del Friuli (Ansa)

San Daniele del Friuli, 20 ottobre 2020 - La tappa 16 del Giro d'Italia 2020 conferma l'ottima annata del ciclismo sloveno: a trionfare è infatti Jan Tratnik, che scatta sul muro di via Sottomonte e saluta il compagno di fuga Ben O'Connor, ottenendo così la sua prima vittoria in un grande giro. Rompe così l'incantesimo la Bahrain-McLaren, che ringrazia Tratnik e il suo coraggio di partire in solitaria a 40 km dal traguardo, salvo poi essere rimontato, ma solo momentaneamente, da O'Connor. La tappa 2000 nella storia del Giro d'Italia, aperta dalla notizia della nuova positività al Covid di Fernando Gaviria, è onorata alla grande dalla maglia rosa Joao Almeida, che scatta sullo strappo finale e guadagna 2'' sui rivali per la classifica generale, che proveranno a ribaltare la situazione nella temibile tappa 17, che condurrà la carovana da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio: l'impresa, alla luce della forma del portoghese, si preannuncia molto difficile.

La cronaca

Sul salita di Madonnina del Domm (10,1 km al 7,4%) si forma la fuga di giornata, composta da ben 28 corridori, tra i quali spiccano Ruben Guerreiro (EF Pro Cycling) e Giovanni Visconti (Vini Zabù-Brado-KTM), in lotta per la maglia azzurra, al momento appannaggio di quest'ultimo: sul primo GPM lo sprint è vinto dal portoghese, mentre a scollinare davanti sul Monte Spig (4,7 km all'8,2%) è il siciliano, che vince anche il GPM di Monteaperta a causa di un guaio meccanico occorso al rivale. Sul primo dei tre passaggi sul Monte di Ragogna (2,8 km al 10,4% di pendenza media e massima del 16%) un redivivo Guerreiro attacca e fa il vuoto: presto però il suo tentativo viene annullato dal ritorno di Manuele Boaro (Astana) e Jan Tratnik (Bahrain-McLaren), con quest'ultimo che prende il largo a 40 km dal traguardo e passa in solitaria sul secondo passaggio sul Monte di Ragogna. Sull'ultimo scollinamento sul GPM di terza categoria su Tratnik si riporta Ben O'Connor (NTT): sono proprio loro due a giocarsi la vittoria, che va allo sloveno della Bahrain-McLaren, al primo successo in un grande giro ottenuto grazie a una potente rasoiata sul muro finale di via Sottomonte, con pendenze massime del 20%. Proprio su questo tratto scatta Joao Almeida, che guadagna 2'' sui rivali per la classifica generale, tra cui un Vincenzo Nibali apparso più brillante: l'ennesimo segnale di forza da parte della maglia rosa, attesa domani dal duro esame di Madonna di Campiglio.

false

Ordine d'arrivo tappa 16 Giro d'Italia 2020

1) Jan Tratnik (TBM) in 6h04'36''
2) Ben O'Connor (NTT) +7''
3) Enrico Battaglin (TBM) +1'14''
4) Kamil Malecki (CCC) +1'14''
5) Ben Swift (IGD) +1'14''
6) Andrea Vendrame (ALM) +1'21''
7) Geoffrey Bouchard (ALM) +1'21''
8) Matteo Fabbro (BOH) +1'25''
9) Manuele Boaro (AST) +1'33''
10) Alessandro Tonelli (BCF) +1'37''








Classifica generale Giro d'Italia 2020

1) Joao Almeida (DQT) in 65h45'08''
2) Wilco Kelderman (SUN) +17''
3) Jai Hindley (SUN) +2'58''
4) Tao Geoghegan Hart (IGD) +2'59''
5) Pello Bilbao Lopez De Armentia (TBM) +3'12''
6) Rafal Majka (BOH) +3'20''
7) Vincenzo Nibali (TFS) +3'31''
8) Domenico Pozzovivo (NTT) +3'52''
9) Patrick Konrad (BOH) +4'11''
10) Fausto Masnada (DQT) 4'24''








Leggi anche - Le pagelle delle prime due settimane del Giro