Giovedì 11 Aprile 2024

Città moderne: vantaggi per il mercato del lavoro

Scenario / Entro il 2029 in arrivo 2,5 milioni tra nuovi posti e professioni

Il mercato delle smart cities vale circa 900 milioni di euro

Futuristic Technology Retail Warehouse: Worker Doing Inventory Walks when Digitalization Process Analyzes Goods, Cardboard Boxes, Products with Delivery Infographics in Logistics, Distribution Center

Innovazione urbana e digitalizzazione: due parole che apparivano sconnesse, ma che oggi rappresentano quelle che sono le smart city. Dalla mobilità alla sostenibilità ambientale, dall’approvvigionamento idrico al turismo, dalla sanità allo smaltimento dei rifiuti, fino ad arrivare alla semplificazione burocratica e al benessere, sono le componenti che contraddistinguono le “città intelligenti”. Anche il mercato delle Smart City in Italia è pronto a un salto di qualità, assicurato anche grazie ai 17 miliardi di euro in arrivo dal PNRR. Attualmente, il mercato delle smart cities vale circa 900 milioni di euro, ma nei prossimi anni è attesa una vera e propria esplosione. I benefici saranno a tutto campo, favorendo prima di tutto la creazione di circa 2,5 milioni di nuovi posti e professioni a opera del mercato delle Smart City in Italia entro il 2029. Un boom non solo economico che favorirà anche la nascita di professionisti ad alta specializzazione per la gestione delle reti infrastrutturali, della sensoristica e delle piattaforme di dati. Ciò che fino a poco tempo fa era considerato utopico, oggi è realtà: il 68% delle persone crede che, nei prossimi 10 anni, il proprio Comune assisterà e sarà protagonista di un boom tecnologico