“Sensi of Casa dolce casa”
“Sensi of Casa dolce casa”

Dopo lo stop per il Covid, il salone torna sulle ali del credo della sostenibilità. Come dimostrano le due installazioni temporanee che fino al 10 settembre aspettano i visitatori in Foro Buonaparte, nel cuore di Brera. Lo spazio attiguo alle vetrine del Florim Flagship Store e dello Spazio Cedit farà da cornice alle creazioni della Matteo Thun & Antonio Rodriguez e di Elena Salmistraro. I due inediti progetti vedono protagoniste le superfici ceramiche della Florim, reinterpretate con una chiave di lettura che pone l’accento sui temi della sostenibilità e del colore per Florim e della solidarietà e dell’arte per Cedit. L’allestimento che racconta la nuova collezione disegnata da Thun & Rodriguez (declinata in quattro colori neutri, morbidi e molto naturali, a loro volta sviluppati in tre diversi decori per completare la serie “Sensi of Casa dolce casa” - nella foto la nuance malachite) è un percorso tra land art e arredo urbano che si snoda attraverso sei diversi ambienti (giardino, bar, fruttivendolo, edicola, piscina e shop) che coinvolge anche alcune delle aziende italiane del movimento B Corp che perseguono anch’esse l’obiettivo di rigenerare la società attraverso il business.

Cedit presenta invece una capsule collection dalla forte carica espressiva e simbolica, ispirata alla mitologia greca. Un’opera d’arte ceramica di quasi 12 metri quadrati composta da 80 pezzi unici (disponibili per la vendita sull’e-commerce Archiproducts Shop) firmati a mano, uno ad uno, dalla designer milanese che reinterpretano l’illustrazione realizzata lo scorso anno per l’allestimento omonimo dedicato al lancio della collezione “Chimera”.