Nel 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, la National Gallery of Art (NGA) di Washington ha inaugurato "Raphael and his circle", una mostra con disegni di Raffaello e dei suoi allievi più distinti - Giulio Romano, Perino del Vaga e Polidoro da Caravaggio - e alcune delle migliori incisioni dei principali interpreti della tradizione raffaellesca. In coincidenza con l’inaugurazione della mostra, che rimarrà aperta fino al 14 giugno, l’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura di Washington, hanno organizzato una conversazione con il curatore Jonathan Bober, sulla vita e l’opera di Raffaello. "Dopo le celebrazioni leonardesche dello scorso anno - ha commentato l’ambasciatore Armando Varricchio - l’Italia e il mondo intero volgono ora l’attenzione a un altro grande genio del

Rinascimento italiano, Raffaello, tutt’oggi un punto di riferimento imprescindibile in campo artistico e culturale".