4 mag 2022

A Rimini tutti i top player della ciliegia

Sarà il frutto simbolo dell’edizione 2022: l’International Cherry Symposium chiama a raccolta i massimi esperti mondiali

La ciliegia è stata scelta come. frutto simbolo di questa edizione del Macfrut
La ciliegia è stata scelta come. frutto simbolo di questa edizione del Macfrut
La ciliegia è stata scelta come. frutto simbolo di questa edizione del Macfrut

Da tutto il mondo in presenza a Rimini – oppure on line - per confrontarsi sui temi chiave del ciliegio, il frutto simbolo di Macfrut 2022. Sostenibilità, innovazione varietale, tecnologie di impianto e coperture sono solo alcuni degli aspetti che verranno affrontati durante la giornata del 4 maggio a Rimini Expo Centre, in occasione del Simposio della ciliegia, dopo l’ouverture a Bertinoro con due giorni di scuola di alta formazione. L’International Cherry Symposium chiama a raccolta i massimi esperti mondiali di questa coltura e in Fiera a partire appunto da mercoledì 4 vedrà confluire esperti provenienti da USA, Cile, Germania, Francia e Italia per affrontare temi fondamentali per la cerasicoltura: dalla sostenibilità economica dei nuovi ceraseti, passando per le biotecnologie applicate all’innovazione varietale, per finire con le tecnologie di precisione applicate alla produzione, difesa ed al post-raccolta.

Già oltre 250 le adesioni già arrivate da tutto il mondo per partecipare all’evento cardine del settore, tanto che si è ritenuto opportuno favorire anche chi non può raggiungere i padiglioni riminesi con la possibilità di seguire i lavori in diretta streaming in inglese e in italiano (iscrizioni su www.cherrysymposium.com ). La giornata del 5 sempre a Macfrut metterà a confronto i top player delle principali realtà mondiali operanti nella produzione e commercializzazione delle ciliegie in un confronto sulle strategie di mercato globale nei sei paesi leader della filiera: Turchia, Cile, Stati Uniti, Uzbekistan, Spagna e Italia. Il Simposio si chiude venerdì 6 maggio in due tour in campo per toccare con mano le innovazioni introdotte nella filiera ciliegio in una regione che conta circa 3mila ettari dedicati alla cerasicoltura. Il primo nel cesenate in due aziende biologiche socie di Apofruit, prosegue a Cesena nell’azienda Battistini Vivai e si chiude nello stabilimento bio di Apofruit a Longiano. Il secondo nel comprensorio di Vignola, territorio noto per le produzioni d’eccellenza Igp, per chiudersi nella struttura di Agrintesa. Il Simposio è organizzato dalle Università di Bologna, Modena e Reggio Emilia e Politecnica delle Marche, in collaborazione con Macfrut e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Collegio Nazionale Periti Agrari e Periti Agrari laureati, Accademia Nazionale di Agricoltura, Camera di Commercio della Romagna, Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana. Sostengono l’evento: Unitec, Advice&Consulting, Agrintech, Arrigoni, Battistini Vivai, Vivai Mazzoni, Agrintesa, Apofruit, Cot International, Fomet, Graziani Packaging, ILIP, O.P. Giuliano, Ser.mac, Spinelli Vivai, Top Plant, Vivai Fortunato.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?