Tim sta investendo in innovazione per aiutare le città a gestire traffico e sicurezza
Tim sta investendo in innovazione per aiutare le città a gestire traffico e sicurezza
Dal controllo della mobilità fino al monitoraggio del territorio con l’aiuto di droni passando anche per l’intrattenimento collettivo. Sono solo alcune delle possibilità offerte da TIM alle smart city grazie alla rete 5G che sarà attiva prossimamente. TIM si è aggiudicata le migliori frequenze messe in gara dal Mise con un impegno complessivo di 2,4miliardi di euro per la sola acquisizione, ha già coperto integralmente il territorio della Repubblica di San Marino e sviluppato, in sperimentazione, i primi servizi e applicazioni a Torino, Genova, Bari e Matera, Sanremo e Roma.
A TORINO, ad esempio, sono stati presentati, insieme a Ericsson, la prima auto a guida remota grazie al 5G e la Smart City Control Room che permette di monitorare i vari sensori del traffico e pedonali con l’accesso integrato ai vari servizi 5G per la città come smart traffic, smart parking, smart lighting, smart waste, smart bench, smart green e smart environment. In particolare i servizi di smart parking e smart lighting sono stati realizzati da Olivetti sulla nuova rete 5G NB-IoT di TIM. È stata presentata anche una soluzione di videosorveglianza mobile evoluta in collaborazione con le forze dell’ordine che abilita l’invio in tempo reale su rete mobile 5G di contenuti video e dati informativi ad un Safety Control Center remoto. A GENOVA, invece, sono stati avviati sempre con Ericsson i primi test di servizi innovativi 5G per il controllo e il monitoraggio del territorio attraverso l’uso di droni e di veicoli di tipo rover controllati da remoto attraverso rete mobile. La soluzione utilizzata per il monitoraggio del territorio, in logica 5G, può essere personalizzata per rispondere alle varie necessità: oltre alla tutela del territorio, infatti, la piattaforma Cloudroboticsinfrastructure di TIM connessa alla rete 5G può permettere nuove soluzioni per la pubblica sicurezza, per il monitoraggio di infrastrutture critiche e, in prospettiva, anche per il trasporto di farmaci di prima necessità, di organi per i trapianti o apparati per il pronto intervento (defibrillatori, ecc.).
MA IL 5G può garantire prestazioni prima impensabili anche per quanto riguarda i servizi per l’intrattenimento e a supporto del turismo. In occasione della cronometro “Riccione-San Marino” del Giro d’Italia del 19 maggio, per esempio, TIM ha installato, lungo i 39 chilometri del tracciato di gara, speciali telecamere con modalità di ripresa a 360° che hanno permesso agli amanti del ciclismo di vivere le emozioni in modalità immersiva grazie a visori per la realtà virtuale allestiti all’arrivo della nona tappa nell’area hospitality a San Marino, Repubblica dove TIM ha già raggiunto con il 5G oltre il 99% del territorio, diventata così primo Stato d’Europa 5G. Il servizio di virtual reality è in sperimentazione anche a Matera, dove le chiese rupestri sono state ricostruite in 3D per permettere la fruizione dei luoghi anche da remoto. Il visitatore, indossando un visore, è libero di muoversi nelle aree previste, avvicinarsi alle pareti, toccare gli oggetti vivendo un’esperienza del tutto innovativa e immersiva, potendo incontrare nel nuovo mondo virtuale anche altri visitatori, ubicati in luoghi fisicamente distanti da quello in cui si trova, interagire con essi oltre che seguire le indicazioni date da una vera e propria guida di Matera.