Sul palco il mito del folk funk: un’energia incontenibile che scatena il pubblico

Bobby Rush, vincitore di Grammy e Blues Music Award, è stato raccontato nella docu-serie di Martin Scorsese e nel film Netflix con Eddie Murphy. A 90 anni, è più grande, cattivo e audace che mai con il suo stile folk funk unico. Si esibirà domani e domenica a Bologna.

Sul palco il mito del folk funk:  un’energia incontenibile  che scatena il pubblico

Sul palco il mito del folk funk: un’energia incontenibile che scatena il pubblico

Leggenda del blues, vincitore del Grammy nel 2017 e nel 2021, nonché di oltre 12 Blues Music Award e numerosi altri riconoscimenti, Bobby Rush è stato raccontato egregiamente nella docu-serie The Blues di Martin Scorsese. Ha guadagnato anche un cameo in Dolemite Is My Name, film Netflix con Eddie Murphy.

Dopo decenni passati a distruggere il circuito di chitlin ogni notte con i suoi funkfest sudati e senza esclusione di colpi, Bobby ha sfondato completamente il mainstream. Gira costantemente il mondo come headliner.

Alla soglia dei 90 anni (è nato nel 1933) anche se il suo livello di energia stratosferico smentisce il calendario, è più grande, più cattivo e più audace che mai. La città di Porretta Terme, dove si è esibito nel 2013 e 2016, gli ha dedicato un gigantesco murale. Il suo stile è unico, una sorta di folk funk - scrivono Edoardo Fassio e Luciano Federighi - che racchiude elementi di soul, blues rurale, pop nero, soap opera, rock e disco. Bobby Rush, con special guest Mizz Lowe, si esibirà al Rufus Thomas Park domani alle 23.15 e domenica nella carellata finale degli artisti che parte alle 21.30.