La passerella delle Rosse con la Ferrari Tribute

Cavallino

Il fascino delle Ferrari durante  il Tribute dello scorso anno

Il fascino delle Ferrari durante il Tribute dello scorso anno

Del resto per Enzo Ferrari era "la corsa più bella del mondo". E la scuderia di Maranello ci sarà alla 1000 Miglia, fino al 17 giugno, con le vetture della casa di Maranello che affiancheranno come di consueto le auto storiche della corsa lungo il tradizionale percorso da Brescia a Roma e ritorno. Parliamo del "Ferrari Tribute 1000 Miglia", la sfida di regolarità riservata alle vetture della casa di Maranello. Dopo la partenza dal Lago di Garda, tappe a Cervia-Milano Marittima, Roma, Salsomaggiore Terme e Milano. Infine, il traguardo a Brescia, sabato 17 giugno, dove le Rosse anticiperanno l’arrivo del convoglio delle auto della 1000 Miglia sfilando per prime sulla passerella in viale Venezia. Saranno ammesse fino a 100 vetture esclusivamente a marchio Ferrari, tra queste un massimo di 35 considerate storiche, ossia prodotte fino al 2003. In passato peraltro le auto del Cavallino Rampante hanno guadagnato la gloria della 1000 Miglia per ben otto volte. Ecco i successi delle Rosse, elencati in ordine cronologico: 1948 Biondetti – Navona (Ferrari 166 S Coupé), 1949 Biondetti – Salani (Ferrari 166 MM Spider), 1950 Marzotto G. – Crosara (Ferrari 195 S berlinetta), 1951 Villoresi – Cassani (Ferrari 340 America berlinetta), 1952 Bracco – Rolfo (Ferrari 250 S berlinetta), 1953 Marzotto – Crosara (Ferrari 340 MM Spider), 1956 Castellotti (Ferrari 290 MM) e 1957 Taruffi (Ferrari 315 S).