Martedì 25 Giugno 2024

Corteo anti-Governo a Roma, lancio di bombe carta e scontri tra manifestanti e polizia

Le forze dell’ordine hanno risposto al tentativo dei collettivi pro-Palestina di sfondare il cordone con il lancio di lacrimogeni per disperdere la folla

Roma, 1 giugno 2024 – Momenti di tensione al corteo contro il governo Meloni a Roma: a Castro Pretorio alcuni manifestanti dei collettivi studenteschi pro-Palestina hanno deviato il percorso previsto per dirigersi verso la stazione Termini e il centro della città. Sono stati respinti e allontanati dalla polizia anche con i lacrimogeni. I giovani, da parte loro, hanno lanciato petardi, bombe carta e acceso fumogeni.

Corteo a Roma, scontri tra manifestanti e polizia
Corteo a Roma, scontri tra manifestanti e polizia

Alcuni manifestanti in corteo – con il volto coperto dalla maschera di V per Vendetta – hanno bruciato un aeroplanino di cartone davanti a uno degli ingressi del Palazzo dell'Aeronautica prima di proseguire verso Castro Pretorio. Le tensioni maggiori sono state in via Vicenza, dove un gruppo di collettivi de La Sapienza ha cercato di sfondare un cordone di polizia con degli scudi di plexiglas. Il gruppo è stato respinto con i lacrimogeni dopo un lungo corpo a corpo. E’ stato seguito da un altro momento di tensione in via Montebello, agolo Corso d’Italia, quando dalla coda del corteo gli stessi collettivi studenteschi hanno lanciato oggetti e bottiglie contro il cordone della polizia. Poi il corteo è proseguito verso piazza di Porta Pia dove il resto del corteo era già arrivato da tempo ed è tornata la calma.