Giovedì 18 Aprile 2024

Protesta Usb a Roma, caos davanti al ministero del Lavoro: contatto tra manifestanti e polizia

Spintoni e urla tra manifestati e forze dell’ordine quando è stata bloccata la strada

Roma, 20 febbraio 2024 – Tensione davanti al ministero del Lavoro a Roma dove questa mattina un gruppo di attivisti del sindacato Usb hanno bloccato la strada nei pressi della sede ministeriale e sono venuti a contatto con la polizia. Ci sono stati spintoni e urla quando gli agenti sono intervenuti per contenere alcuni manifestanti, una situazione di caos in strada durata alcuni minuti nel corso della protesta organizzata da Usb, Unione sindacale di base, dopo le morti sul lavoro avvenute a Firenze nel crollo del cantiere per la costruzione di un nuovo centro commerciale di Esselunga.

Tensioni tra polizia e manifestanti davanti al ministero del Lavoro
Tensioni tra polizia e manifestanti davanti al ministero del Lavoro

Lo sciopero e la protesta

Il giorno dopo l’incidente nel cantiere di Firenze, Usb ha proclamato per oggi, 20 febbraio, uno sciopero nazionale di 8 ore per le categorie dell’industria, della logistica, dei porti e del commercio e ha convocato per le 10 una manifestazione di protesta a Roma sotto il ministero del Lavoro. Un’iniziativa partecipata stamattina da decine di attivisti che è arrivata a generare tensioni con le forze dell’ordine.

Il comunicato di Usb

“Non sono evidentemente sufficienti queste stragi – si legge nel comunicato di Usb che proclama lo sciopero dopo l’incidente di Firenze -, non bastano le più di 1000 vittime registrate lo scorso anno per mettere al centro del dibattito politico e pubblico il problema degli omicidi sul lavoro. Continuiamo a chiedere che la politica deve farsi carico di sostenere la nostra proposta legge per l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro e lesioni gravi. Solo così ne verremo a capo. Solo così si può mettere in discussione il sistema dello sfruttamento, fatto di appalto e subappalto”.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui