Roma, 2 ottobre 2018 - Manovra, a che punto siamo? Nel giorno in cui lo spread Btp-Bind vola oltre i 300 punti, il vicepremier Luigi Di Maio, parlando a Rtl 102.5, prova a rasserenare gli animi. Intanto l'annuncio: la nota di aggiornamento al Def "la stiamo mettendo a punto - assicura il vicepremier Luigi DI Maio - per mandarlo domani alle Camere". 
Di certo "da quel 2,4% non arretriamo di un millimetro e se serve lo spiegheremo nelle piazze, questo Def crea crescita, ripagheremo il debito e ci impegniamo a tenere fermo il deficit per tre anni". E la crescita del Pil al 2% nel 2019? "è alla nostra portata".

Perché - non ha dubbi - le "misure della manovra faranno crescere l'economia e il debito sarà ripagato". Un esempio? "Ci saranno 3 miliardi si risparmio sull'Ires per tutte le aziende che assumono a tempo indeterminato".
Anche il ministro dell'Interno Matteo Salvini interviene, con una battuta: "In Italia nessuno  si beve le minacce di Juncker che ora associa il nostro Paese alla Grecia  - twitta con evidente doppiosenso -  I diritti al lavoro, alla sicurezza e alla salute dei nostri cittadini sono priorità del governo e andremo fino in fondo". E su Facebook interviene il premier Giuseppe Conte: "Stiamo ultimando i dettagli di una manovra seria e coraggiosa, volta a sostenere la crescita nel segno dello sviluppo sostenibile e dell'equità sociale. Noi rispettiamo le nostre prerogative sovrane e rispettiamo altresì le Istituzioni dell'Unione Europea che abbiamo contribuito a fondare e che rimane la nostra casa comune. Ci avviamo a dialogare con le Istituzioni europee con serenità e rispetto dei ruoli, fiduciosi di poter dimostrare, carte alla mano, la bontà del lavoro sin qui fatto".

FOCUS / Reddito di cittadinanza, come funziona

Tria all'Ue: "Debito/Pil scenderà". Ma Juncker: "Bisogna essere rigidi"

Lo spread tra Btp e Bund vola oltre 300

REDDITO DI CITTADINANZA - "Se hai un appartamento e chiedi il reddito di cittadinanza, dai 780 euro ti viene stornato il cosiddetto affitto imputato, quindi dai 780 euro dei redditi zero arrivi a circa 400 euro", ha poi spiegato Di Maio confermando che "il pensionato minimo avrà diritto a 780 euro".

E i destinatari? Sarà dato "solo a italiani che spendono in negozi italiani, residenti in Italia da 10 anni e che prendono un impegno col Governo di formazione e riqualificazione" con l'orizzonte di trovare un lavoro. Quindi, ha ripetuto, non andrà a Rom o migranti e ha confermato che si studia la possibilità di metterlo sulla tessera sanitaria e che sarà tracciabile, "non certo in contanti".

E sulle modalità di spesa: "Abbiamo trovato il metodo per farli spendere e per accreditarli: li eroghiamo attraverso una tessere elettronica. Il massimo sarebbe erogarlo attraverso la tessera sanitaria con il chip che già abbiamo e voglio che questi soldi si spendano su territorio italiano".  "Tutte le persone che sono sotto la soglia di povertà dovranno avere accesso al reddito, ma non potranno stare sul divano, c'è il dovere di tenere la giornata impegnata a formarsi per i lavori decisi insieme durante il colloquio durante il centro per l'impiego, che sto rifondando con degli esperti americani, e dare 8 ore di lavoro gratuito alla propria citta' come lavori di pubblica utilità. 
Questo - ha aggiunto - significa che non potrai lavorare in nero, non potrai stare sul divano e poi arrivano a un certo punto le proposte di lavoro, non sara' il lavoro della tua vita o quello dei sogni, ma e' una proposta che reinserisce lavorativamente e quindi finisce il reddito. Se non accetti perdi il reddito e non puoi licenziarti per prendere il reddito".

Reddito cittadinanza, Parisi: "I centri per l’impiego diventeranno hi-tech"

COMPLOTTO UE - In Europa "non c'è nessun complotto, gli attuali componenti della Commissione Ue sono parte di partiti politici - ribadisce Di Maio - e che Macron, Merkel, Renzi e Gentiloni sperino che questo governo cada è una cosa assodata. Il tema è che non devono fare colpi bassi con queste dichiarazioni che, guarda caso, arrivano dopo che hanno realizzato che lo spread non stava salendo". 
In ogni caso, "noi non vogliamo uscire dall'Europa e dall'euro". "L'unica cosa a cui oggi possono aggrapparsi le forze che si oppongono a questo governo - ha aggiunto - è lo spread" come fanno il Pd e le forze socialiste europee. Con la manovra il governo "aiuta le persone a riavere diritti sociali e loro ci attaccano sullo spread", ha concluso.

IL CASO CASALINO - Riguardo all'audio di Rocco Casalino, che nei giorni del crollo del ponte di Genova si lamenta di non essersi riposato a Ferragosto, Di Maio dice:"Penso che le scuse siano da apprezzare rispetto a un audio privato, sicuramente il fatto che abbia detto che non voleva offendere le vittime era doveroso, ma mi domando se è lecito e corretto che i giornalisti nell'ambito del rapporto con l'ufficio stampa facciano uscire questo audio e lo chiedo all'Odg".