Torre Annunziata, poligono di tiro della criminalità in una scuola abbandonata: testavano le armi e nascondevano la droga

Decine di fori di proiettile nei muri del vecchio istituto nel rione Penniniello. I carabinieri hanno trovato munizioni e 200 grammi di marijuana

Torre Annunziata (Napoli), 7 febbraio 2024 – Una scuola abbandonata e, nei locali sotterranei, un poligono di tiro improvvisato con decine di colpi sparati. È quello che hanno trovato i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, durante un servizio di controllo del territorio nel rione Penniniello di Torre Annunziata. Sulle pareti decine di fori di proiettile, un luogo dove venivano verosimilmente testare le armi nelle mani della criminalità locale. In un vano più ampio ricavato artigianalmente tra i mattoni forati, 40 munizioni a salve.

I bossoli trovati dai carabinieri nel muro di una scuola abbandonata a Torre Annunziata
I bossoli trovati dai carabinieri nel muro di una scuola abbandonata a Torre Annunziata

I controlli nel rione Penniniello

I militari hanno battuto l'intero rione e, nella scuola abbandonata, hanno trovato anche 200 grammi di marijuana, 4 bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Durante i controlli non sono mancate le contravvenzioni al codice della strada: 3 le patenti ritirate, un veicolo è stato sequestrato. Denunciato un 17enne per ricettazione: è stato fermato in strada in sella ad una bici elettrica provento di un furto. Nel bilancio anche il lavoro tra i più giovani ancora in un istituto scolastico, non abbandonato ma in piena attività. I carabinieri oplontini hanno raccontato il loro lavoro, promuovendo l'importanza della cultura della legalità. Infondere sani principi ai giovani genera responsabilità e consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni. Utilizzando esempi pratici, i militari hanno offerto agli studenti una guida per comprendere il ruolo delle norme nella convivenza sociale e per affrontare con maggiore serenità il web e le sue insidie.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui