La 58enne Giulia Grieco
La 58enne Giulia Grieco

Napoli, 10 settembre 2021 – Potrebbe essere stata un’emorragia interna, forse provocata dalla perforazione accidentale di un'arteria durante un intervento chirurgico, a provocare la morte della 58enne Giulia Grieco, la maestra della scuola primaria di Amalfi deceduta ieri in ospedale. La salma è stata posta sotto sequestro per accertare le responsabilità, il nodo da sciogliere è sulla dinamica dei fatti che hanno portato alla morte. L'insegnante è infatti deceduta all’ospedale polispecialistico Pineta Grande di Castel Volturno, nel Casertano, ma lunedì scorso era stata sottoposta a un'operazione di protesi all'anca presso la clinica privata Sanatrix di Napoli. Il pm di Santa Maria Capua Vetere ha disposto l'autopsia per l'accertamento delle cause della morte della donna sopraggiunta in seguito a un intervento chirurgico di routine.

Diverse le ipotesi in campo, gli inquirenti stanno indagando a tutto campo per non escludere nessun indizio utile. Al momento, una delle supposizioni – ma sarà l’autopsia a confermare o escludere questa ipotesi – sarebbe legata ad una possibile perforazione accidentale di un'arteria: un evento che avrebbe provocato un'emorragia interna e che, nella stessa serata dell’operazione, avvenuta lunedì scorso, avrebbe costretto il personale medico al trasferimento della paziente, in stato comatoso, presso il reparto di rianimazione del Pineta Grande, dove ieri pomeriggio è poi deceduta. Il marito, Giuseppe Proto, ha denunciato il caso ai carabinieri di Castel Volturno. Aperto un
fascicolo, la salma è stata trasferita presso l'obitorio dell'ospedale Civile di Caserta dove sarà' eseguita l'autopsia. Salernitana, la donna è originaria di Ravello, ma risiede a Minori, sempre in Costiera Amalfitana. Napoli, in ambulanza senza ossigeno sufficiente: muore durante il trasporto - Napoli: ricoverato in Tso, 39enne muore all'Ospedale del Mare. La famiglia denuncia