Scuola chiusa, studenti in Dad
Scuola chiusa, studenti in Dad

Napoli, 20 ottobre 2021 -  In Campania, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 406 positivi al Coronavirus e 1 decesso. A comunicarlo l'Unità di crisi regionale. I tamponi processati ieri sono 23.637.  
Il report posti letto su base regionale riporta di 21 persone rcioverate in terapia intensiva e di 183 nei reparti di normale degenza.  

Scuola chiusa per focolaio

Resterà chiuso fino a lunedì 25 ottobre l'istituto comprensivo 'Di Giacomo-Santa Chiara' di Qualiano (Napoli), scuola nella quale si è verificato un focolaio con 13 alunni e 5 insegnanti risultati positivi a Covid-19. Gli alunni, ha fatto sapere ieri il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, sono quasi tutti figli di persone non vaccinate. 
Covid Campania, focolaio in scuola a Qualiano. De Luca: "Tutti figli di no vax"
La dirigente scolastica Angela Carandente Sicca ha disposto la didattica digitale integrata per tutti gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado, con ripresa delle lezioni in presenza lunedì 25 ottobre, e la sospensione delle attività didattiche in presenza per la scuola dell'infanzia fino a venerdì 22 ottobre. 
Sono stati sospesi anche gli incontri scuola-famiglia previsti per oggi, mercoledì 20, e venerdì 22 ottobre, ed è stata rinviata la gita scolastica al Teatro San Carlo di Napoli che si sarebbe dovuta svolgere domani, giovedì 21 ottobre. Nei giorni di chiusura si procederà alla disinfezione straordinaria di tutti i locali.  
La circostanza ha fatto infuriare il Governatore De Luca, che ha parlato di "esempio drammaticamente lampante di cosa può succedere in presenza di genitori irresponsabili che mettono a grave rischio la salute dei propri figli e, contestualmente, quella degli altri alunni che frequentano la scuola, e di intere famiglie. É questo - ha aggiunto - l'atteggiamento irresponsabile e incivile di chi si ostina ancora a non vaccinarsi, e magari pretende che sia lo Stato a pagargli i tamponi".  



De Luca: "No green pippe"

"In Campania non c'è diritto di cittadinanza per i 'no green pippe'" - ha dichiarato De Luca nel corso di un incontro a Palazzo Santa Lucia con gli attori di "Un posto al sole", soap opera Rai che compie 25 anni. Alcuni degli attori, ha ricordato De Luca, hanno partecipato a campagne di sensibilizzazione per la vaccinazione anti Covid-19.  
Il Governatore  ha raccontato quanto già riportato sui genitori no vax dei bambini contagiati nel focoloaio a scuola: "Che c'entra questo con lo stato di diritto, con queste palle degli intellettuali radical chic? Cioè tu rivendichi come tuo diritto il diritto di contagiare i tuoi figli e di mandare i tuoi figli a contagiare altri bambini nelle scuole, nelle quali puoi trovare un bambino immunodepresso che è in cura magari al Santobono, o al Pascale, per problemi oncologici, di leucemia. Questa totale perdita di senso civico e di senso di responsabilità è una cosa che mi fa impazzire".  

Il Governatore: "A novembre richiudiamo"

"Ssiamo obbligati a non dormire per seguire mattina, sera e notte i comunicati dei positivi della giornata. C'è un velo di imbecillità, di stupidità e di false notizie che purtroppo ha condizionato e rischia di condizionare. Non illudiamoci - ha ribadito - se continuiamo a distrarci, a novembre richiudiamo".  
Napoli, addio al 'medico dei sentatetto': Bernardo Cozzolino è la 365esima vittima