Maria Grazia Chiuri
Maria Grazia Chiuri

Parigi, 22 giugno 20202 -  Dior e l'inno alla Puglia. Tutto succederà il 22 luglio, alle 9 di sera, nello scenario magnifico della Piazza del Duomo di Lecce, davanti alla Cattedrale di Santa Maria Assunta, esempio perfetto di barocco leccese, scelta da Maria Grazia Chiuri direttore creativo del brand del Gruppo LVMH e dal presidente Pietro Beccari come palcoscenico eccezionale della sfilata per la Collezione Cruise di Dior.

Lecce (foto Afp)

Un evento senza pubblico, in sicurezza totale, ammessi solo coloro che hanno lavorato alla collezione e pochi famigliari, per via delle norme di tutela della salute dopo Covid 19, e trasmessa on line nel mondo. A raccontare l'idea e il progetto sono stati oggi gli stessi Beccari e Chiuri collegati on line con 600 giornalisti di moda nel mondo. Atmosfera di grande emozione, specie per Maria Grazia Chiuri col padre nato in Puglia e i ricordi di vita di famiglia nella regione, tra tradizioni e storie popolari, sapori, profumi e memorie arcane.

“Il lusso è emozione _ ha detto il presidente di Dior Beccari _ niente può sostituire la sfilata dal vivo. Ci adeguiamo ai tempi difficili che viviamo. E' questa la prima volta che Dior organizza in Italia una sfilata di queste dimensioni. E siamo fieri di essere riusciti ad aiutare gli artigiani pugliesi concretamente e a dargli fiducia e coraggio per continuare nel loro prezioso lavoro. Anche questo è un modo per esprimere sostegno e solidarietà”.

Felicissima Maria Grazia Chiuri che aveva scelto Lecce nei mesi scorsi per la Cruise che avrebbe dovuto tenersi nel maggio scorso. Poi lo stop della pandemia ha fatto rimandare tutto e ora finalmente però la data fatidica del 22 luglio. “In nostro show supporta la regione Puglia e le sue attività artigianali _ racconta Maria Grazia Chiuri _ abbiamo coinvolto tutti, musicisti, ceramisti, tessitori, elettricisti tutti entusiasti di lavorare con noi di Dior. Ed ora penso che questa Cruise sarà un miracolo! Di solidarietà e complicità. La collezione è dedicata alla pizzica-pizzica, la danza popolare che affonda le sue radici nei miti e nei culti dionisiaci. E come nel 1947 quando Monsieur Dior lanciò il New Look, adesso con questa collezione lanciamo il Nuovo New Look! Con le luminarie di Marinella Senatore, le musiche di Paolo Buonvino, gli interventi artistici di Pietro Ruffo, le riprese di Edoardo Carlo Winspeare il regista di Sangue Vivo”.