Milano, 26 agosto 2018 - Il maltempo si è abbattuto, come annunciato dalle previsioni meteo, sul Centro Nord, con la neve che è tornata sulle Alpi, a Cortina d'Ampezzo e in Alto Adige. Il fronte temporalesco che ha interessato in particolare il Friuli Venezia Giulia, nella notte ha causato estesi allagamenti nel comune di Caneva dove il torrente Grava ha esondato allagando l'intera frazione di Fratta e numerose vie comunali.

Ora - informa il Centro Epson Meteo - la perturbazione si sposterà verso il Centro e sul settore del basso Tirreno mentre al Nord è in atto un rapido miglioramento a iniziare dal Nord Ovest. A inizio settimana, poi, spiegano i meteorologi, la perturbazione abbandonerà velocemente l'Italia con gli ultimi strascichi lunedì all'estremo Sud. L'aria molto più fresca che segue questa perturbazione si riverserà su tutto il Paese determinando un'attenuazione del caldo degli ultimi giorni. L'aria fresca è accompagnata da una notevole intensificazione dei venti da nord e da mari mossi o molto mossi. La tendenza per la prossima settimana vede di nuovo un tempo tipicamente estivo: tornerà il sole in tutta Italia, vento e moto ondoso si attenueranno e le temperature già da martedì aumenteranno rapidamente; a metà settimana ci saranno valori attorno o poco sopra i 30 gradi. Insomma, tornerà un clima da fine estate. 

LE PREVISIONI PER DOMENICA - Oggi graduale miglioramento al Nord a iniziare dal Nord Ovest. Il maltempo si concentrerà al Centro, soprattutto nelle zone interne e sulle regioni adriatiche fino al Gargano, con rovesci o temporali anche forti. Nuvolosità sparsa accompagnata da piogge a carattere isolato interesseranno anche Campania, Puglia centrale, Calabria tirrenica e nord-est della Sicilia. Temperature in calo al Nordest e al Centro, dove si perderanno fino a 5-6 gradi; primi cali anche su Campania e Isole, mentre lieve punte vicine ai 30 gradi saranno ancora possibili in Puglia e sul settore ionico. Giornata molto ventosa su tutti i mari e al Centro Sud per venti in prevalenza settentrionali: mari mossi o molto mossi. Per oggi la Protezione civile ha emesso un'allerta arancione su settori di Lombardia, Veneto, Friuli, Toscana, Emilia Romagna, Molise e Puglia. Allerta meteo gialla in Calabria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Liguria, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Umbria, Veneto e Toscana.

IL TEMPO DI LUNEDI' - Domani giornata ben soleggiata al Nord, su regioni centrali tirreniche, Marche e Sardegna. Nel resto del Paese nuvolosità irregolare con locali e residue precipitazioni su Puglia, Basilicata, Calabria, nord-est della Sicilia e, al mattino, anche in Molise. Fenomeni in esaurimento quasi ovunque nel pomeriggio. Temperature minime ancora fresche al Nord e in calo anche al Centrosud; anche al Centro sono attesi valori anche sotto i 15 gradi. Massime in calo sulla Puglia e sul settore ionico, in rialzo in gran parte del Centronord e in Sardegna con valori ovunque al di sotto dei 30 gradi. Venti moderati settentrionali al Centro Sud, con mari ancora mossi o molto mossi.

LA SETTIMANA - Martedì giornata soleggiata da Nord a Sud con pochi locali annuvolamenti su Puglia meridionale, Calabria e nord della Sicilia. Venti in attenuazione, ancora fino a moderati settentrionali solo su medio e basso Adriatico, Puglia e alto Ionio. Temperature già in rialzo con valori che ritornano nella norma. Si conferma quindi nei prossimi giorni il ritorno di un caldo tipico di fine estate con punte intorno ai 30 gradi. Mercoledì non è atteso nessun cambiamento di rilievo con al massimo qualche isolato rovescio sulle Alpi occidentali, mentre giovedì la coda di una perturbazione lambirà il Nord con qualche fenomeno limitato al settore alpino e alla Liguria.

Ma per il prossimo weekend ilmeteo.it parla del rischio di nuove piogge.

Meglio però seguire gli aggiornamenti dei prossimi giorni