Meteo, un gigantesco anticiclone sta per conquistare l’Italia (e mezza Europa). “Pessima qualità dell’aria”

Da domenica prevista una scaldata eccezionale. Alta pressione con valori di pressione fino e oltre 1045 hPa. L’inversione di rotta potrebbe arrivare nel weekend prima di Natale. Cosa dicono gli esperti

Roma, 14 dicembre 2023 – “Grandi movimenti atmosferici nei prossimi giorni”, dice ilMeteo.it. “Avremo degli scambi importanti ed anomali nel cuore del mese di dicembre: passeremo infatti da 5-7 gradi sotto media, previsti fino al weekend, ad una scaldata eccezionale da domenica pomeriggio in poi ad iniziare dalle Alpi”, afferma Andrea Garbinato, del team redazionale del sito.

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Il mostro anticiclonico

“La sorpresa – affermato Garbinato – arriverà da domenica quando nel cuore dell'Europa Centrale si formerà un blocco anticiclonico granitico ed eccezionale con valori di pressione fino e oltre 1045 hPa. Questo blocco si espanderà, con l'inizio della nuova settimana, verso l'Italia iniziando dalle Alpi dove già domenica andremo sopra media di quasi 10 gradi. In seguito il termometro salirà in modo sensibile quasi ovunque, ma soprattutto dalla collina in su: con questo tipo di blocco anticiclonico non escludiamo infatti frequenti nubi basse o nebbie nelle pianure del Centro Nord”. Il sito ipotizza in tal senso anche “termperature sottozero e formazione di ghiaccio”, frutto di inversioni termiche notturne notevoli. 

Milano, nebbia e smog (Ansa)
Milano, nebbia e smog (Ansa)

"Prima di arrivare al gigantesco blocco anticiclonico nel cuore dell'Europa, l'Italia risentirà ancora del passaggio del Ciclone di Santa Lucia che porterà nelle prossime ore maltempo al Centro Sud: sono previste piogge in trasferimento dalla Toscana verso Abruzzo e Molise con neve sugli Appennini oltre i 1.100-1.300 metri; il sistema perturbato raggiungerà anche il Sud con un brusco calo delle massime che dai 25-28 gradi anomali di ieri si riporteranno nelle medie”.

Approfondisci:

Cop28, trovato l’accordo sul clima: “Transizione da fonti fossili entro il 2050”. I punti del testo

Cop28, trovato l’accordo sul clima: “Transizione da fonti fossili entro il 2050”. I punti del testo

L’inquinamento dell’aria

IlMeteo.it sottolinea in un articolo che “la mancanza di ventilazione per giorni e giorni favorirà il ristagno delle sostanze inquinanti che, soprattutto a causa dell'alta pressione, sono destinate a rimanere ‘schiacciate’ nei bassi strati dell'atmosfera, determinando dei parametri ambientali anche pessimi, con gravi ripercussioni per la nostra salute”.

Le previsioni meteo per venerdì

Venerdì 15 dicembre, assisteremo ancora a instabilità e rovesci al Sud e sul Medio Adriatico con altre nevicate sugli Appennini, fino a quote collinari; al Nord splenderà il sole, a tratti disturbato dal vento sulle Alpi di confine e dalle nebbie anche fitte in Pianura Padana.

Il tempo di sabato e domenica

Il weekend – dice ancora ilMeteo.it – sarà 'Giano bifronte’, dai 2 volti: sabato ancora freddo con valori sotto le medie quasi ovunque, specie al mattino con locali forti gelate; da domenica, invece, il respiro prepotente del Blocco anticiclonico franco-teutonico espellerà aria calda verso il nostro Paese. Ecco che, gradualmente, le temperature tenderanno a salire iniziando dall'alta quota per poi investire gran parte del nostro territorio da lunedì 18 in poi; se la proiezione venisse confermata potremmo andare incontro ad un Santo Natale mite e soleggiato come oramai avviene da decenni. D'altronde dobbiamo ricordare che il mese di dicembre è il mese più caldo dell'inverno, ancora in presenza di mari relativamente caldi e dei ricordi dell'estate italiana sempre più lunga e senza fine.

Quando l’anticiclone abbandonerà l’Italia

A questo punto la domanda è quando l’anticiclone abbandonerà l’Italia. Secondo 3bmeteo “qualcosa potrebbe cominciare a cambiare, per il possibile abbassamento di latitudine del flusso perturbato atlantico. Questo potrebbe diventare protagonista entro il weekend che precederà il Natale, con smantellamento dell'anticiclone e passaggio di fronti nord atlantici diretti verso il Mediterraneo centrale e conseguenti aumento dell'instabilità e calo delle temperature”. Ma vista la distanza temporale meglio seguire gli aggiornamenti.

Approfondisci:

Record in Portogallo: per 6 giorni tutto il Paese alimentato al 100% da fonti rinnovabili

Record in Portogallo: per 6 giorni tutto il Paese alimentato al 100% da fonti rinnovabili

La mappa di 3bmeteo

Le previsioni giorno per giorno