16 gen 2022

VITA DA SPELEOLOGO LE GROTTE DEI GESSI IN MOSTRA AL MUSEO

’Gutta cavat lapidem’. Il proverbio latino, in italiano, suona ’La goccia scava la pietra’ come dire che la pazienza èuna virtù anche in natura dove la tenacia dell’acqua riesce a plasmare e modellare pure la dura roccia fino a scavare in profondità ambienti che possono raggiungere dimensioni inimmaginabili. Chi rivela, pezzo dopo pezzo, quel mondo sotterraneo, sono gli speleologi. Fino al 30 aprile la Collezione di Geologia ’Museo Giovanni Capellini’ di via Zamboni 63 a Bologna propone un affascinante viaggio alla scoperta delle grotte e della speleologia, ponendo in particolare risalto i fenomeni carsici dei Gessi Bolognesi.

Ai pannelli, corredati da testi e immagini, si affianca un allestimento che conduce le persone all’interno di un’installazione immersiva che usa tutti i canali sensoriali. L’obiettivo è far comprendere attraverso un’esperienza coinvolgente lo sguardo dello speleologo che osserva e indaga gli spazi scavati dalle acque. Gli orari di apertura sono da martedì a venerdì dalle 9 alle 13; e dalle 10 alle 18 sabato, domenica e festivi.

Il 30 gennaio alle 15,30 il laboratorio didattico ’Vivere a luci spente. Gli abitanti delle grotte’ per bimbi dai 6 ai 10 anni che scopriranno chi sono i veri abitanti di questi luoghi e alla fine costruiranno un piccolo BAT-amico da portare sempre con sé. Mentre il 22 per i più gradicelli tra 8 e 10 anni, sempre alle 15,30, l’attività ’Un mare di gesso. Alla scoperta della grotta’.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?