Lunedì 22 Luglio 2024

Esselunga, la bimba e i genitori separati: lo spot ‘La pesca’ fa discutere

Al supermercato Emma ha un’idea per riavvicinare mamma e papà. Il cortometraggio del regista francese Rudi Rosenberg in tv, al cinema e in rete

Un frame dello spot di Esselunga 'La pesca'

Un frame dello spot di Esselunga 'La pesca'

Milano, 26 settembre 2023 – “Non c’è una spesa che non sia importante”. E’ il claim del nuovo spot di Esselunga, che punta a emozionare lo spettatore attraverso la storia di una bimba figlia di genitori separati. Un vero e proprio cortometraggio destinato alla tv, alle sale cinematografiche e al web.

Approfondisci:

La noce di Esselunga, oggi il nuovo film dopo La pesca: l’amicizia per sempre tra Carlo e Marta

La noce di Esselunga, oggi il nuovo film dopo La pesca: l’amicizia per sempre tra Carlo e Marta

La storia 

La telecamera riprende una scena di tutti i giorni: mamma e figlia che fanno la spesa al supermercato. La giovane donna perde di vista la bimba, Emma; dopo qualche istante di apprensione la ritrova nel reparto frutta mentre fissa una pesca. Non capisce tutto questo interesse, ma gliela compra. Seguono le immagini di un pomeriggio di giochi, risate e complicità in casa. Alla sera suonano alla porta: è il papà di Emma. Si capisce che i genitori non stanno più insieme. L’uomo è venuto a prendere la bimba: ora è il suo ‘turno’ ed Emma si prepara ad andare via con lui. Prende lo zaino assicurandosi che dentro ci sia la sua pesca. “Questa te la manda la mamma”, dice poi candidamente al padre tirando fuori il frutto. Sulle prime il padre è sorpreso ma subito realizza. “Grazie, allora dopo chiamerò la mamma per ringraziarla”, risponde. Ed è in questo momento che parte il claim. “Non c’è una spesa che non sia importante”. La spesa è stata importante per Emma, perché comprando quella pesca ha sperato di poter riavvicinare i genitori. 

Lo spot

"Non c’è una spesa che non sia importante”

“La spesa non è solo un atto d’acquisto, ma ha un valore simbolico molto più ampio – spiega Roberto Selva, Chief Marketing & Customer Officer di Esselunga – Per ogni prodotto che mettiamo nel carrello c’è un significato più profondo di quello che siamo abituati a pensare. Esselunga, che è sinonimo di qualità e convenienza, lo sa: non c’è una spesa che non sia importante. Ed è per questo che ci impegniamo ad offrire sempre il meglio ai nostri clienti”.

I creativi dell’agenzia New York SMALL, che hanno lavorato per Esselunga, hanno pensato a una “spesa vista attraverso gli occhi e il vissuto di una bambina: un gesto, fatto con la semplicità e allo stesso tempo con l’ingegno tipico dei bambini, svelerà, istante dopo istante, una storia densa di tenerezza che arriva al cuore e commuove con delicatezza”. Il film “La pesca” è stato girato a Milano dal regista francese Rudi Rosenberg e prodotto da Indiana Production. 

Gli spettatori divisi 

Parte di una campagna promozionale più ampia, verrà trasmesso da stasera nelle principali reti tv.  Ma è già circolato in Rete oggi suscitando opinioni contrapposte. C’è chi lo ha definito come “un insieme di pregiudizi” o chi accusa di voler “strumentalizzare” le emozioni negative di una bambina, stigmatizzando il modello di famiglia monogenitoriale. Dall’altra parte non mancano i difensori dello spot, che lo trovano semplicemente “dolce e commovente”.