Britney Spears, 39 anni, al centro di una battaglia legale contro la tutela paterna
Britney Spears, 39 anni, al centro di una battaglia legale contro la tutela paterna

Non si esibirà più finché sarà sotto la tutela del padre: Britney Spears, 39 anni, gli ultimi 13 in balia del genitore, ha chiarito che preferisce ballare nel salotto di casa che salire su un palco a Las Vegas, e si è scagliata non solo contro papà James, ma anche contro sua sorella, Jamie Lynn. "Non mi piace che mia sorella si presenti agli spettacoli di premiazione e canti le mie canzoni remixate. La mia presunta rete di sostegno mi ha fatto un danno profondo!!!! Questa tutela legale ha ucciso i miei sogni... Quindi tutto ciò che ho è la speranza, la cosa più difficile da uccidere in questo mondo... anche se le persone ci provano". L’artista, che ha più di 31 milioni di follower su Instagram, ha utilizzato il social network nelle ultime settimane per rompere il silenzio che aveva dominato la sua vita negli ultimi anni e condividere alcuni dei suoi sentimenti. Nell’ultimo messaggio, Britney rivela anche non le è piaciuto il modo in cui i documentari sulla sua vita hanno riportato alla luce "momenti umilianti del passato", momenti "superati da molto tempo".

Va detto però che proprio i documentari – tra cui Framing Britney Spears prodotto dal New York Times e candidato a due Emmy Awards – hanno alimentato l’interesse e il sostegno del pubblico sulla questione della inopportunità della tutela paterna, e la crescita del movimento #FreeBritney.