Domenica 19 Maggio 2024

Paul Auster, quando la moglie annunciò la malattia. “Ora viviamo in un paese chiamato Cancerland"

Lo scrittore, sceneggiatore e saggista è morto all’età di 77 anni proprio per complicazioni legate al tumore ai polmoni che lo aveva colpito a dicembre 2022

New York , 1 maggio 2024 – "Mio marito vive ora in un paese chiamato ‘Cancerland’". Così la scrittrice e poetessa Siri Hustvedt annunciò al mondo, in un post su Instagram, la malattia di Paul Auster, morto oggi all'età di 77 anni per le complicazioni dovute a un cancro ai polmoni. Era l'11 marzo del 2023 e il maestro del postmodernismo americano era già in cura, con trattamenti di chemioterapia e immunoterapia, al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York, uno dei centri per la ricerca e il trattamento del cancro più famosi a livello mondiale.

Lo scrittore Paul Auster premiato al Guadalajara International Book Fair 2017 (Ansa)
Lo scrittore Paul Auster premiato al Guadalajara International Book Fair 2017 (Ansa)

"Sono stata lontana da Instagram per un po' di tempo. È perché a dicembre è stato diagnosticato un cancro a mio marito, che era già malato da diversi mesi", scrisse Hustvedt raccontando delle cure e di quel luogo, 'Cancerland', in cui anche lei viveva. "Molte persone hanno varcato i suoi confini, perché sono o sono state malate o perché amano qualcuno, un genitore, un figlio, un coniuge o un amico che ha o ha avuto il cancro. Il cancro è diverso per ogni persona che ne è affetta. Alcune persone sopravvivono e altre muoiono. Questo lo sanno tutti, eppure vivere vicino a questa verità cambia la realtà quotidiana", proseguiva nel lungo post.

"L'intimità con un'altra persona non è solo un'esperienza parallela, due linee che si muovono nella stessa direzione ma non si incrociano – continuava la moglie di Paul Auster –. È molto più simile a un diagramma di Venn dinamico – se una cosa del genere è possibile – in cui le parti sovrapposte di due cerchi continuano a muoversi e a cambiare nel tempo. Un 'io' e un 'tu' in movimento che è anche 'noi'. Penso che sarebbe terribile essere soli nella Terra del Cancro. Vivere con qualcuno che ha il cancro e viene bombardato con la chemioterapia e l'immunoterapia è un'avventura di vicinanza e separazione. Bisogna essere abbastanza vicini da sentire i trattamenti snervanti quasi come se fossero i propri e abbastanza lontani da essere un aiuto genuino. Troppa empatia può rendere una persona inutile! Questa corda non è sempre facile da percorrere, naturalmente, ma è il vero lavoro dell'amore".

Nei mesi successivi la scrittrice e poetessa è tornata ad aggiornare i follower con altri bollettini "da Cerceland", fino all'annuncio del nuovo ultimo lavoro del marito. "È un libricino tenero e miracoloso", confidava la moglie. "Finora ho taciuto perché il territorio di 'Cancerland' è confuso e insidioso – scrisse Siri Hustvedt –. Il paziente, e io con lui, viaggiavamo in linea retta su una strada ma poi venivano ritardati e giravano in tondo. Non abbiamo ancora superato il cartello 'Stai lasciando la Terra del Cancro' che segna il confine del Paese".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro