Carriera, matrimonio e Olimpiadi 2024: tutto su Simone Biles

Simone Biles è una ginnasta da record: sognando le Olimpiadi 2024, ecco la sua storia

Simone Biles

Simone Biles

Simone Biles è considerata una delle migliori ginnaste della storia. Responsabilità sicuramente non facile da reggere e sostenere, visto la sua giovane età, ma -ad oggi – a parlare per lei sono i risultati record ottenuti e i prossimi obiettivi, sicuramente ambiziosi. Uno in particolare, ancora non certo, è quello di partecipare alle Olimpiadi 2024 di Parigi. A settembre 2023 aveva rivelato lei stessa il sogno di competere e di ritornare alla grande dopo le difficoltà avute a Tokyo (che la videro ritirarsi da ben 4 discipline) e un lungo periodo di stop dallo sport professionistico. Ma Simone Biles è una che non molla.

Simone Biles, chi è la ginnasta col sogno delle Olimpiadi 2024 a Parigi

Simone Arianne Biles – questo il suo nome completo all’anagrafe - è nata il 14 marzo 1997)a Columbus, in Ohio. Ad oggi è suo il record di essere la ginnasta americana più premiata della storia ed è considerata una delle più grandi e celebri ginnaste di tutti i tempi. Grazie alle sue sette medaglie olimpiche nella ginnastica risulta essere al nono posto nella classifica di sempre ed è alla pari con la collega Shannon Miller, a livello di numero di medaglie statunitensi come ginnasta. Tutto questo a nemmeno 27 anni.

Dopo numerose medaglie d’oro conquistate alle Olimpiadi estive di Rio De Janeiro nel 2016, Simone ha partecipato, nel 2020, alle Olimpiadi di Tokyo. Ma, in quell’occasione, non è riuscita a brillare per seri problemi personali. Alla vigilia era apparsa come la favorita per ottenere almeno 6 medaglie d’oro nelle sue discipline, con alte aspettative da tutti quanti. Ma Simone si è ritirata e ha vinto solo una medaglia d'argento insieme alla sua squadra e una medaglia di bronzo alla trave. In merito a quanto accaduto a Tokyo, la Biles ha spiegato di aver avuto alcuni “blocchi mentali” che non le permettevano di riuscire a gestire al meglio il suo corpo durante le gare e le esercitazioni.

Nei mesi successivi alla sua esperienza a Tokyo, ha raccontato di aver iniziato un lungo periodo di psicoterapia e di essersi finalmente ritrovata. Ha spiegato di aver iniziato a pensare anche a quello che la circonda, al suo ruolo di moglie, figlia e amica, senza concentrare tutto quanto esclusivamente sullo sport, dimenticando se stessa “come persona”. Rimandare il lato personale per troppo tempo è stato uno dei motivi che l’hanno vista perdere quella consapevolezza necessaria per un perfetto equilibrio mentale e fisico. E lentamente, settimana dopo settimana, ha ricominciato a credere maggiormente in se stessa, grazie al sostegno del suo allenatore e delle sue compagne di squadra, supporti basilari per bilanciare tutti i sogni sportivi e i desideri quotidiani.

Simone continua ad allenarsi intensamente, con cura e dedizione, tra allenamenti e gare impegnative che hanno come scopo e missione quella di vederla volare a Parigi per le Olimpiadi 2024. Lei ci spera, in un’intervista a ottobre 2023 ha assicurato di volerci essere e di sentirsi molto fiduciosa. Mentre attende, mantiene la prudenza e assicura di essere pronta anche ad un eventuale esito negativo sulla sua partecipazione (“Se non riesco ad andare a Parigi, me ne farò una ragione”). Del resto, la sua carriera resta e resterà comunque storia dello sport, con o senza Parigi.

Qualche numero? Ad oggi può vantare 4 medaglie d’oro ai Giochi Olimpici, 1 medaglia d’argento e una di bronzo. Nei Campionati mondiali di ginnastica artistica ha collazionato ben 23 medaglie d’oro, 4 d’argento e 3 di bronzo. Nel 2022, Joe Biden le ha conferito la Medaglia Presidenziale della Libertà.

Simone Biles, vita privata e matrimonio

Simone Biles ha avuto una relazione lunga con il ginnasta Stacey Ervin Jr., iniziata ad agosto 2017 e terminata a marzo 2020. Successivamente, pochi mesi dopo la fine della storia, ha iniziato a frequentare Jonathan Owens, giocatore professionista di football americano. Nel febbraio 2022, ha annunciato pubblicamente il suo fidanzamento con lui fino al matrimonio, celebrato il 22 aprile 2023.

La storia tra Simone Biles e Jonathan Owens è figlia dei tempi attuali, in molte sfumature. I due, infatti, si sono conosciuti su una applicazione per incontri, dopo il consiglio di un’amica della ginnasta di rimettersi in gioco, terminata la relazione con Stacey Ervin Jr.. Con molti dubbi ha seguito il consiglio e ha iniziato a chiacchierare con Owens, fino al primo incontro. Si sono piaciuti ma la frequentazione iniziale è stata messa a dura prova dalla pandemia di Covid che ha costretto i due a sentirsi principalmente al telefono e con le videochiamate, condividendo serate a distanza a chiacchierare, guardare film “in contemporanea” e, allo stesso tempo, conoscersi sempre più a fondo in maniera quotidiana. Owens ha raccontato di non aver saputo subito della grande fama mondiale della Biles poiché non era esperto della disciplina della futura compagna di vita. Ma Instagram gli ha aperto un po’ gli occhi (“Mi sono detto che doveva essere piuttosto brava, perché aveva molti followers”).

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro