Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 mag 2022

Quando Capolicchio fece innamorare l’Italia

Morto a 78 anni l’attore che interpretò Giorgio ne “Il giardino dei Finzi Contini“. L’incontro decisivo con Strehler e il rapporto con Avati

5 mag 2022
giovanni bogani
Magazine
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)
Lino Capolicchio. con Dominique Sanda. ne “Il giardino dei Finzi Contini“ (1970)

Giovanni Bogani I capelli biondi, fini. Gli occhi azzurrissimi. Lino Capolicchio, volto efebico e bello del cinema e del teatro italiano, se n’è andato nella notte dei David, a 78 anni. In silenzio. Un David lo aveva vinto nel 1971 per il film che lo consacrò, Il giardino dei Finzi Contini. Il film nel quale interpretava un giovane ebreo, nell’Italia fascista e razzista del 1938. Lo interpretava così bene che Golda Meir, l’allora primo ministro di Israele, al pranzo di gala dopo la “prima“ del film a Gerusalemme gli chiese se fosse davvero ebreo. "No, grazie, non ho questo onore" avrebbe potuto rispondere, come Charlie Chaplin quando gli fu rivolta, ma in tono accusatorio, la stessa osservazione. Lino Capolicchio era nato a Merano, nel 1943. Nel dopoguerra, si ritrovò – bambino – strappato alla famiglia, imprigionato in un collegio, per volere del padre. Un trauma che non dimenticò. I suoi rapporti con il padre furono sempre difficili. Ma fu difficile anche portare, per tutta la vita, quell’aspetto così poco mediterraneo. Perché Capolicchio, con i suoi occhi limpidi, era mitteleuropeo, raffinato, asburgico. E quell’aspetto, da Tadzio di Morte a Venezia, fu per lui un privilegio e una condanna. I fratelli Taviani gli dissero: "Lei sembra un attore inglese"; e mille altri proseguirono quel mantra: sembra russo, sembra tedesco… Insomma, per il cinema italiano era un alieno, un corpo estraneo. Non ha mai fatto parte davvero della commedia all’italiana, di quel mondo di eroi del “tiriamo a campare“, di quei volti segnati dall’arte di arrangiarsi di cui siamo maestri indiscussi. Lui, a vent’anni, attraversava già il fuoco e il ghiaccio del teatro del maestro più sublime: Giorgio Strehler. Non era stata la recitazione il suo primo amore. Era la musica. Da bambino, usciva dalla Messa piangendo, stravolto di emozione per la musica dell’organo. Ventenne, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?