Giovedì 11 Aprile 2024

Guida alla notte degli Oscar 2024: tutto quello che c’è da sapere

Dalle 23.30 di stasera (ora italiana), via alla 96esima Cerimonia degli Academy Awards a Los Angeles. Novità, ospiti e anticipazioni sulla maratona: per la prima volta in chiaro su Rai1

Roma, 10 marzo 2024 – È iniziato il conto alla rovescia per la grande notte degli Oscar 2024. Il red carpet tirato a lucido, abiti sfavillanti pronti per essere indossati e il Dolby Theatre di Los Angeles sta per aprire le porte al gotha del cinema mondiale. A partire dall’1 di questa notte (ora italiana), andrà in onda la cerimonia più attesa: la consegna delle statuette ai film e agli attori dell’anno.

Ecco la guida completa agli Oscar 2024 con tutto quello che c’è da sapere per prepararsi alla consegna dell’Academy Awards di Hollywood che, per la prima volta nella storia degli Oscar, in Italia sarà trasmessa in chiaro su Rai1.

Approfondisci:

Le frasi più famose dei film da Oscar: ecco quali e il significato

Le frasi più famose dei film da Oscar: ecco quali e il significato

Chi sono i favoriti: i film

Il film ‘Oppenheimer’ di Christopher Nolan è in pole position con 13 nomination: il biopic sul padre della bomba atomica sarà il probabile vincitore nella categoria del miglior film. Seguono ‘Povere creature!’ con Emma Stone (11) e il western storico di Martin Scorsese ‘Killers of the flower moon’, con Leonardo Di Caprio, Robert De Niro e Lily Gladstone (10).

Dall’Italia occhi puntati su Matteo Garrone e il suo ‘Io capitano’, candidato alla prestigiosa statuetta per il miglior film straniero. Anche se il favorito è ‘La zona d’interesse’ del regista britannico Jonathan Glazer.

Pronostici sui migliori attori

Sul fronte degli attori la battaglia è dura. Le cinquine quest'anno vedono 10 attori su 20 alla prima nomination, mentre sette sono stati già candidati alla ricerca della prima statuetta e tre già vincitori. Tra gli attori protagonisti, il favorito è Cillian Murphy (alla sua prima nomination) per il ruolo omonimo in 'Oppenheimer', con il quale ha già vinto Golden Globe, Bafta e Sag. Ma il vero outsider potrebbe essere il caratterista Paul Giamatti, il burbero e scontroso professore in 'The Holdovers': è alla sua seconda candidatura dopo 18 anni da quella per 'Cinderella Man' (2005). L'unico ad avere già confidenza con gli Oscar è Bradley Cooper, che dirige se stesso in 'Maestro'.

Per le attrici, la sfida è all'ultimo frame. Se infatti Emma Stone – Bella Baxter in 'Povere creature!' –è una delle favorite per vincere il suo secondo Oscar a sette anni da ‘La La Land’ (2016), ottime chance si segnalano anche per Lily Gladstone. L'attrice di 'Killers of the Flower Moon' è la prima nativa americana mai candidata. Dopo lo storico Golden Globe come Miglior attrice drammatica, potrebbe entrare nella storia con una statuetta dell’Academy, come accadde l’anno scorso per Michelle Yeoh, prima asiatica a vincere il premio come migliore attrice.

A che ora sapremo i vincitori

Il collegamento Rai inizierà alla 23.30 con l'anteprima del red carpet, ma cerimonia degli Oscar vera e propria inizierà all’1 di notte ed entro le 5 del mattino di lunedì 11 marzo sapremo quale sarà il miglior film dell’anno e a chi saranno assegnate le statuette per le 23 categorie.

Secondo la tradizione dell'Academy, i quattro vincitori degli Oscar per il miglior attore e la miglior attrice dell'anno precedente consegnano i premi ai loro successori. Ma quest’anno dovrebbero esserci anche alcuni cinque vincitori del passato, secondo un format usato solo una volta 15 anni fa.

Presentatori

A condurre la lunga maratona degli Oscar 2024 sarà ancora Jimmy Kimmel, ormai arrivato alla sua quarta edizione. Come da tradizione, durante la serata sarà affiancato da una serie di presentatori – star di Hollywood, registi e non solo – che saliranno sul palco del Dolby Theatre per leggere le nomination e annunciare i vincitori. Ecco chi sono: Emily Blunt, Cynthia Erivo, America Ferrera, Sally Field, Ryan Gosling, Ariana Grande, Ben Kingsley, Melissa McCarthy, Issa Rae, Tim Robbins, Steven Spielberg, Mary Steenburgen, Anya Taylor-Joy, Charlize Theron, Christoph Waltz e Forest Whitaker.

E ancora: Mahershala Ali, Bad Bunny, Nicolas Cage, Jamie Lee Curtis, Brendan Fraser, Chris Hemsworth, Dwayne Johnson, Michael Keaton, Regina King, Jessica Lange, Jennifer Lawrence, Matthew McConaughey, Kate McKinnon, Rita Moreno, John Mulaney, Lu-pita Nyong'o, Catherine O'Hara, Al Pacino, Michelle Pfeiffer, Ke Huy Quan, Sam Rockwell, Octavia Spencer, Michelle Yeoh, Ramy Youssef e Zendaya.

Performance più attese

Tutte le cinque canzoni originali nominate agli Oscar diventeranno parte dello show, segnando i momenti più memorabili della lunga maratona, come accaduto l’anno scorso con le strepitose Rihanna e Lady Gaga. Tra le performance più attese, Ryan Gosling che canterà insieme a Mark Ronson il brano ‘I'm Just Ken’. Mentre Billie Eilish salirà sul palco col fratello Finneas O'Connell per la ballad colonna sonora di Barbie ‘What Was I Made For?’. Ci sono grandi aspettative anche per il musicista nativo americano Scott George che insieme agli Osage Tribal Singers eseguirà ‘Wahzhazhe (A Song For My People)’, dal film di Martin Scorsese ‘Killers of the Flower Moon’.

Oscar su Rai1: ospiti

La notte degli Oscar approda in Rai. La cerimonia di premiazione della 96esima edizione – condotta quest'anno, per la quarta volta, dal popolare presentatore e comico Jimmy Kimmel – sarà trasmessa domenica 10 marzo su Rai 1 a partire dalle 23.30.

Da Roma, dallo studio 3 di via Teulada, Alberto Matano seguirà e commenterà la diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles insieme a Stefania Sandrelli, Gabriele Muccino, Claudia Gerini, Ambra Angiolini, Claudio Santamaria, Antonio Monda e Paola Jacobbi.

Collegato dal red carpet degli Academy Awards, l'inviato del Tg1 Paolo Sommaruga racconterà al pubblico italiano la magia della serata intervistando le star internazionali presenti.

Nuove regole di voto

Sono 10mila i membri dell'Academy con diritto di voto, personalità rappresentative dei vari settori della macchina cinematografica. Nella fase delle nomination, ognuno vota per la propria categoria di riferimento (un regista può scegliere un regista e così via) e tutti possono dire la loro sul miglior film. Nella seconda fase, il voto è aperto e i giurati possono scegliere le proprie preferenze in tutte le categorie in gara.

Dopo le polemiche sulla ‘diversity’ degli ultimi anni, quest'anno è stato introdotto un nuovo regolamento sugli standard di inclusione e rappresentanza: criteri che i film devono soddisfare per poter essere ammessi alle nomination. I criteri – che erano stati annunciati già l’anno scorso, per permettere alle grandi produzioni di aderire alle nuove regole – sono legati alla diversità in termini di etnia e orientamento sessuale, disabilità e categorie svantaggiate e devono essere rappresentare in almeno due macrocategorie a scelta tra: rappresentazione sullo schermo e narrazione, leadership e team produttivo, accessibilità all'industria, sviluppo dell'audience.

Nomination: i premi più importanti

Miglior Film 2024. Dieci film concorrono per la statuetta più importante:

  • Oppenheimer’ di Christopher Nolan
  • Povere creature!’ di Yorgos Lanthimos
  • Barbie’ di Greta Gerwig
  • Killers of the Flower Moon’ di Martin Scorsese
  • La zona di interesse’ di Jonathan Glazer
  • Anatomia di una caduta’ di Justine Triet
  • American Fiction’ di Cord Jefferson
  • The Holdovers – Lezioni di vita’ di Alexander Payne
  • Maestro’ di Bradley Cooper
  • Past Lives’ di Celine Song

Miglior Film straniero

  • Io Capitano’ di Matteo Garrone – Italia
  • Perfect Days’ di Wim Wenders – Giappone
  • La società della neve’ (Society of the Snow) di Juan Antonio Bayona – Spagna
  • La sala dei progessori’ ( The Teachers' Lounge) di İlker Çatak – Germania
  • La zona d’interesse’ (The Zone of Interest) di Jonathan Glazer – Regno Unito

Miglior Regia

  • Jonathan Glazer – La zona d’interesse
  • Yorgos Lanthimos – Povere creature!
  • Christopher Nolan – Oppenheimer
  • Justine Triet – Anatomia di una caduta
  • Martin Scorsese – Killers of the Flower Moon

Migliore Attrice protagonista

  • Lily Gladstone – ‘Killers of the Flower Moon’
  • Sandra Hüller – ‘Anatomia di una caduta’
  • Carey Mulligan – ‘Maestro’
  • Annette Bening – ‘Nyad – Oltre l’oceano’
  • Emma Stone – ‘Povere creature!’

Migliore Attore protagonista

  • Bradley Cooper – ‘Maestro’
  • Colman Domingo – ‘Rustin’
  • Paul Giamatti – ‘The Holdovers – Lezioni di vita’
  • Cillian Murphy – ‘Oppenheimer’
  • Jeffrey Wright – ‘American Fiction’

Miglior Attore non protagonista

Sterling K. Brown – ‘American Fiction’ Robert DeNiro – ‘Killers of the Flower Moon’ Robert Downey Jr. – ‘Oppenheimer’ Mark Ruffalo – ‘Povere creature!’  

Migliore Attrice non protagonista

  • Emily Blunt – ‘Oppenheimer’
  • Jodie Foster – ‘Nyad – Oltre l’oceano’
  • Danielle Brooks – ‘Il colore viola’
  • America Ferrera – ‘Barbie’
  • Da’Vine Joy Randolph –‘The Holdovers – Lezioni di vita’

Miglior Sceneggiatura originale

  • Anatomia di una caduta’ scritto da Justine Triet e Arthur Harari
  • The Holdovers – Lezioni di vita’ scritto da David Hemingson
  • Maestro’ scritto da Bradley Cooper e Josh Singer
  • May December’ scritto da Samy Burch – Storua di Samy Burch & Alex Mechanik
  • Past lives’ scritto da Celine Song

Miglior Sceneggiatura non originale

  • American Fiction’ – adattamento di Cord Jefferson
  • Barbie’ – adattamento di Greta Gerwig & Noah Baumbach
  • Oppenheimer’ – adattamento di Christopher Nolan
  • Povere creature!’ – adattamento di Tony McNamara
  • La zona d’interesse’ – adattamento di Jonathan Glazer

Migliore colonna sonora originale

  • American Fiction’ scritta da Laura Karpman
  • Indiana Jones e il quadrante del destino’ scritta da John Williams
  • Killers of the Flower Moon’ scritta da Robbie Robertson
  • Oppenheimer’ scritta da Ludwig Göransson
  • Povere creature!’ scritta da Jerskin Fendrix

Migliore canzone originale

  • The Fire Inside’ dal film ‘Flamin' Hot’ – Diane Warren
  • I'm Just Ken’ dal film ‘Barbie’ – Mark Ronson e Andrew Wyatt
  • It Never Went Away’ dal film ‘American Symphony’ – Jon Batiste e Dan Wilson
  • Wahzhazhe (A Song For My People)’ dal film ‘Killers of the Flower Moon’ – Scott George
  • What Was I Made For?’ dal film ‘Barbie’ – Billie Eilish and Finneas O'Connell
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro