Martedì 16 Aprile 2024

Jimmy Kimmel, chi è il presentatore della notte degli Oscar 2024

Il celebre conduttore tv per la quarta volta sul palco del Dolby Theatre di Los Angeles a fare gli onori di casa

Roma, 10 marzo 2024 – Jimmy Kimmel cala il poker. Sarà infatti la quarta volta che il noto conduttore tv statunitense farà da padrone di casa alla notte degli Oscar. Lo aveva già fatto l'anno scorso, e prima ancora nel 2017 e nel 2018. "Ho sempre sognato di presentare gli Oscar esattamente quattro volte", ha ironizzato lui. Certo un bel traguardo per questo newyorkese che da venti anni alla guida di uno dei late night show più apprezzati della televisione americana, anche se di strada dovrà ancora farne tante se vorrà eguagliare il leggendario Bob Hope che di Oscar ne ha presentati (da solo o come co-conduttore) ben 19. 

Approfondisci:

Oscar 2024: dove vederli in Italia (in diretta tv) e a che ora inizia la premiazione

Oscar 2024: dove vederli in Italia (in diretta tv) e a che ora inizia la premiazione
Jimmy Kimmel sarà il presentatore degli Oscar 2024 (Ansa)
Jimmy Kimmel sarà il presentatore degli Oscar 2024 (Ansa)

Chi è Jimmy Kimmel

Nato a Brooklyn il 13 novembre del 1967, nelle vene di Kimmel scorre anche sangue italiano: la famiglia della madre (Iacono) è originaria di Ischia, sebbene sia emigrata negli Stati Uniti dopo il terremoto del 1883. Jimmy ha iniziato la sua carriera giovanissimo lavorando in radio (la prima conduzione già ai tempi del liceo presso quella dell'Università del Nevada) per poi passare alla televisione. Dopo un primo periodo come autore alla Fox, nel 1997 gli è stato affidato il primo ruolo come comico nel programma 'Win Ben Stein's Money' in onda su Comedy Central. Da lì in poi, per Kimmel è stato un crescendo, coronato, nel 2003, dalla conduzione di un late night show (un talk show di seconda serata) che porta il suo nome sull'emittente ABC. Il 'Jimmy Kimmel Live!' è attualmente uno dei programmi più apprezzati e seguiti, grazie anche allo stile ironico, pungente e non sempre politicamente corretto che lo stesso Kimmel adotta.

Approfondisci:

Chi ci sarà agli Oscar 2024 e le performance più attese. Da Billie Eilish a Becky G

Chi ci sarà agli Oscar 2024 e le performance più attese. Da Billie Eilish a Becky G

La prima volta agli Oscar e la gaffe con Malala

La prima volta da presentatore degli Oscar per Kimmel è coincisa con la famosa gaffe dell'annuncio sbagliato del premio per il miglior film: era il 2017 e fu proclamato vincitore 'La La Land' invece di 'Moonlight'. Uno scambio di biglietti nelle buste, Warren Beatty e Faye Dunaway che avevano appena dato l’annuncio senza parole, confusione sul palco, ma per fortuna Kimmel prese la parola e riuscì a gestire con grande abilità la situazione. Sarà stato probabilmente anche per questo che gli organizzatori gli hanno confermato la loro fiducia, mettendolo al timone dell’edizione successiva.

Ma in una gaffe è inciampato anche lui l’anno scorso. Rivolgendosi all’attivista Malala Yousafzai, presente in sala, le ha domandato a bruciapelo: "In quanto più giovane vincitrice nella storia del premio Nobel, mi stavo chiedendo, pensi che Harry Styles abbia sputato su Chris Pine?". Laconica la replica della giovane pakistana celebre per il suo impegno i diritti civili e l'istruzione delle donne. “Io parlo solo di pace”, gli ha risposto secca. Un inciampo che, comunque, non ha compromesso la sua riconferma come presentatore per quest’anno.

Approfondisci:

Oscar: cinque momenti epici nella storia degli Academy Awards

Oscar: cinque momenti epici nella storia degli Academy Awards

Lo spot degli Oscar 2024

In attesa di vederlo ancora sul palco del Dolby Theatre di Los Angeles, il pubblico ha già potuto ammirare la sua verve comica nello spot di presentazione della cerimonia del 10 marzo, ambientato nel mondo di 'Barbie' (uno dei titoli in corsa per la statuetta di ‘miglior film’). Nel video di circa 5 minuti Kimmel incontra alcuni dei membri del cast nei panni dei loro personaggi (Kate McKinnon, America Ferrera e Ryan Gosling), con cui ironizza su quanto possa essere difficile condurre la serata degli Oscar ma soprattutto prestandosi a una critica – nemmeno troppo velata – sulla mancata candidatura di Greta Gerwig (che ha diretto proprio 'Barbie') al premio come miglior regista. Un'esclusione, questa dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, che ha suscitato non poche polemiche.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro