Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 mag 2022

“Omissioni“ e nuovi pensieri: è La Milanesiana Il Nobel Gurnah e il mito Zoff, due mesi di incontri

Da Milano e Firenze fino a Bormio e Livigno: la rassegna ideata da Elisabetta Sgarbi

4 mag 2022
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini
Il manifesto: una rosa coi colori ucraini

Elisabetta Sgarbi presenta la 23ª edizione della Milanesiana (15 ospiti, 63 appuntamenti, 8 anteprime, 9 mostre) tracciando la mappa definita dal 4 giugno: incipit a Sondrio e fino al 3 agosto, concerto conclusivo del violinista libanese Ara Malikian al Vittoriale di Gardone Riviera. Dal cuore di Milano, i battiti arrivano anche a Bergamo, Seregno, Pavia, Torino, Alessandria, Bassano del Grappa, Ascoli Piceno, Firenze, Faenza, Imola, Bagno di Romagna, Cervia, Gatteo a Mare, Dozza (bellissimo borgo di murales, a 15 chilometri da Bologna, dove il 18 luglio Vittorio Sgarbi svela il legame tra Caravaggio e Pasolini), e Bormio, Livigno, Venezia.

Sarà il capoluogo lombardo, generoso anche di mecenati (compreso Volvo Car che al mito di James Bond ha contribuito con un’auto leggendaria), a consegnare il Sigillo della città al Nobel per la Letteratura Abdulrazak Gurnah (13 giugno). E a Bormio, il 23 luglio, sarà Federica Pellegrini a introdurre il film Underwater di Sara Ristori.

Sarà sul palcoscenico galleggiante del milanese Teatro Franco Parenti, lo spettacolo di Luca Barbarossa Non perderti niente, coerente al tema di questa edizione: “Omissioni”. Nell’ambito degli eventi romagnoli, il 13 luglio, a Imola lo scrittore Tahar Ben Jelloun presenterà il drappobandiera dipinto per la città di Feltre e con Aeham Ahmad, pianista noto per le sue esibizioni nel campo profughi di Jarmuk durante la guerra in Siria, farà riflettere su “Guerre e omissioni”. Fondamentale, l’interrogativo posto da Elisabetta: "Cosa avremmo dovuto e potuto fare e dire e non abbiamo fatto e detto, per evitare la guerra in Ucraina?"

Comunque, non si omette conforto e incoraggiamento, almeno sull’onda della memoria dei trionfi calcistici 1982: a Bagno di Romagna, 14 luglio, Italia Mundial, spettacolo di Federico Buffa, anteprima il 1 luglio ad Ascoli Piceno con Dino Zoff. A Firenze, 9 luglio, utile la lectio di Giampaolo Donzelli su la cura, il dire, il non dire e, con la sorpresa di un sintetizzatore del 1930, Extraliscio e Orchestra Maderna e Peter Pichler faranno sperare nei miracoli della tecnica: Romantic Robot (l’album in uscita). Un miracolo, peraltro, l’entusiasmo del giovanissimo ultranovantenne Nino Migliori: vedere alla Galleria Ceribelli Bergamo, 6 giugno -15 luglio, i capolavori della scultura da lui fotografati a lume di candela.

Anna Mangiarotti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?