Il 56° Premio Riccione per il teatro, il più prestigioso concorso italiano di drammaturgia, è andato a Pier Lorenzo Pisano per Carbonio. In finale ha superato Francesco Alberici (Bidibibodibiboo), Christian di Furia (Flusso), Maurizio Patella (Il fenomeno Laplante) e Luca Viganò (L’incrocio delle righe). Il vincitore e gli altri finalisti nei prossimi mesi proporranno un progetto di produzione per l’allestimento scenico del testo presentato in concorso; il progetto migliore si aggiudicherà un premio da 15.000 euro per favorire la trasformazione dei testi in veri e propri spettacoli teatrali. Secondo la giuria presiduta da Lucia Calamaro, Pisano "crea, in pochissimi movimenti scarni e ironici, un impianto simbolico di potenza esponenziale".