Domenica 26 Maggio 2024
PATRIZIA TOSSI
Magazine

Luna piena febbraio 2023, a che ora arriva la Luna della Neve e perché si chiama così

Domenica la Snow Moon, la seconda luna piena dell’anno. Cosa dice la tradizione e cosa succederà in cielo nella notte del 5 febbraio: l'ora migliore per ammirare tutto il suo splendore

Luna piena in inverno

Luna piena in inverno

Roma, 2 febbraio 2023 - La bellissima Snow Moon sta per illuminare il cielo di febbraio, la seconda luna piena del 2023 sarà anche una delle più luminose e spettacolari dell’anno. Domenica notte, il 5 febbraio, la Luna della Neve – detta anche Luna di Ghiaccio – inizierà a brillare già al tramonto, intorno alle 18, e raggiungerà il massimo splendore intorno alle 20. Non sarà una Superluna, ma sarà decisamente più grande della “Microluna del Lupo”, apparsa nella notte tra il 6 e il 7 gennaio. Gli astronomi preannunciano un evento molto suggestivo. Affascinante ed emblematico, come vuole la tradizione, il satellite della Terra si troverà a una distanza dal perigeo luna – ovvero il punto più vicino alla Terra nell'orbita della luna – di 404.888 km, oltre 40mila chilometri in più rispetto alla distanza minima indicata dall'astrologo Richard Nolle nel 1979 per identificare una Superluna. Ed è per questo che la Luna della Neve sarà un semplice plenilunio, ma dalla bellezza straordinaria.

Luna piena febbraio 2023: oggi lo spettacolo in cielo. Perché non è una Superluna

Perché è chiamata Snow Moon?

Per i Celti, il secondo plenilunio dell’anno era la Luna di Ghiaccio per la sua incredibile lucentezza. Le tribù dei nativi americani, invece, legavano la sua comparsa con il mese più freddo dell’anno, che nell’emisfero settentrionale era sempre accompagnata da nevicate abbondanti e coltre ghiacciate: per questo viene oggi celebrata come la Luna della Neve. Un mese freddissimo in cui era impossibile andare a caccia, così spesso è stata perfino definita la Luna della Fame o Luna della Piccola Carestia. Per questo stesso motivo, la tribù dei Cherokee le attribuiva il nome di Luna ossea: con le riserve di cibo ridotte a zero, molte famiglie erano costrette a cucinare zuppa di ossa e midollo per sopravvivere. Il mito della luna era ben radicato in queste popolazioni entrate nella storia come grandi conoscitori dei moti della natura, che contemplavano e veneravano come forza soprannaturale. Ed è in questo solco che, secondo le popolazioni indigene Hopi, il plenilunio di febbraio è conosciuto per il suo potere di Purificazione e Rinnovamento.

I riti per la Luna della Neve

In Cina associano questa seconda luna piena dell’anno a nuovi inizi perché cade subito dopo il Capodanno del calendario cinese. Nella tradizione cinese, si accendevano delle lanterne per celebrare le 17 divinità che erano state viste volare nel cielo durante la luna piena. Nell’Asia orientale è anche il simbolo della Magha Puja, un’importante festa buddista che si tiene durante la luna piena per celebrare Buddha intento ad accogliere i suoi primi 1.250 discepoli. In Oriente, alcune popolazioni la conoscono come Luna in Erba e viene celebrata con l'accensione di falò e il lancio di lanterne per ammirarne lo spettacolo in cielo sullo sfondo della luna.

Nel 2023 un doppio plenilunio

Nel mese di agosto di quest’anno si verificherà un evento molto particolare. Ci saranno due pleniluni all’inizio e alla fine dello stesso mese: il 1° e il 31 agosto. Sarà un mese speciale per via dell’eccezionale evento: è raro che nello stesso mese si verifichino due pleniluni.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro