Le chiocciole potranno forse aiutare a combattere una malattia che devasta le piantagioni
Le chiocciole potranno forse aiutare a combattere una malattia che devasta le piantagioni
L'immagine di un mollusco bavoso non è la più piacevole da evocare mentre gustiamo il nostro espresso della colazione. Eppure, sarà forse proprio una lumaca a salvare il caffè: un gruppo di biologi ha individuato una specie che si nutre della ruggine del caffè, una malattia delle piante difficilissima da contrastare che da decenni sta causando danni devastanti alle piantagioni del Centro e del Sud America.

La chiocciola mangia-fungo

La scoperta è stata descritta in un studio pubblicato sulla rivista Ecology, intitolato 'Deduzioni dagli escrementi: i gasteropodi invasivi cambiano dieta per consumare la ruggine del caffè e il suo microparassita'.

Nel 2016 alcuni biologi della University of Michigan stavano conducendo delle ricerche sul campo nelle piantagioni di caffè di Porto Rico, meno soggette alla malattia rispetto alla colture della terraferma. Notando un escremento arancione sulla faccia inferiore di una foglia, hanno "seguito la traccia" fino a risalire alla chioccola della specie Bradybaena similaris, che sembrava nutrirsi proprio delle spore del fungo. L'ipotesi è stata quindi verificata in laboratorio: in 24 ore gli esemplari riuscivano a consumare il 30% della ruggine dalle foglie, lasciandole intatte.

È un indizio, non una soluzione magica

Basta quindi schierare truppe di lumache nelle piantagioni per debellare la malattia delle piante? La soluzione potrebbe suonare allettante per i coltivatori in difficoltà, ma gli studiosi per ora lo sconsigliano e raccomandano cautela: con le limitate conoscenze di cui disponiamo ad oggi, i risultati potrebbero essere controproducenti. La Bradybaena similaris è una specie invasiva, capace di causare ingenti danni alle altre colture. In più, la ricerca ha dimostrato che oltre alle spore la chiocciola mangia anche un particolare microparassita che a sua volta si nutre del fungo nocivo, contrastandone la diffusione.

Insomma, la lumaca potrebbe rivelarsi molto utile, ma il punto è un altro, come ha spiegato al New York Times una delle autrici dello studio, Ivette Perfecto: "Piuttosto che affidarci esclusivamente all'impiego di pesticidi, dobbiamo concentrarci sull'ecologia del sistema… Si tratta di mantenere un ecosistema sano con un'alta diversità di nemici naturali". È questa la strada da battere per trovare un rimedio efficacie contro la ruggine del caffè.


Leggi anche:
- Dove vanno i nostri gatti quando escono di casa?
- I ratti come gli uomini, evitano di causare dolore ai propri simili
- La tartarughe marine mangiano la plastica perché ha lo stesso odore del cibo