16 gen 2022

L’ELEGANZA IBRIDA SFILA A MILANO

di Eva Desiderio

"Attenzione alla salute e al lavoro. La gente della moda ha voglia di andare avanti. Con la settimana della moda maschile iniziata a Firenze con Pitti Uomo 101 si è visto che le cose si posso fare, e molto bene. Così vogliamo fare noi qui per Milano Fashion Week Men’s Collection fino a martedì con lo stile dell’inverno 2022-2023". Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, racconta il volto bello delle sfilate maschili di Milano, il meglio del Made in Italy. Capasa ha voluto cominciare questi eventi per la maggioranza dal vivo supportati però sempre dal digital regalando al popolo della moda a Milano la visita esclusiva venerdì alla mostra coi 200 ritratti di Giovanni Gastel alla Triennale ’The people I like’. "Nelle sue foto c’è l’anima della moda".

In un clima sereno, con controlli continui e severi di Super Green Pass e uso di mascherine FP2, le sfilate corrono via veloci davanti a un massimo di 100 persone molto distanziate. Ad aprire è Zegna con un video che mostra l’incanto naturale dell’Oasi Zegna e una serie di modelli con indosso una collezione raffinata quanto ibrida, piena di storia e di contaminazioni, secondo il tocco raffinato del direttore creativo Alessandro Sartori. Prima stagione con l’etichetta rebranding, solo Zegna, come alle origini e tanto bianco nei completi e nei cappotti a ricordare la neve. "Ottanta artigiani hanno lavorato a questa collezione – racconta Sartori – e dico grazie a queste 160 mani!".

Il ritorno dell’eleganza è anche il filo conduttore di Brunello Cucinelli che ha scelto il velluto 75 righe come per abiti molto giovani e ricercati color carta da zucchero o bianco sale per pantaloni con discreta ambiezza di fianchi e orlo affusolato sotto il blazer blu un petto e mezzo. Da rubare la pochette in cashmere nel taschino, vezzo malandrino, il polacchino di suede color miele, la maglieria vanisè, il pull jacquard di gusto nordico, i nuovi colori melograna e arancio carota. "Mi aspetto presto un mondo nuovo – spiega Cucinelli – perché l’Italia di oggi è un paese credibile. Le nostre vendite vanno bene: il cliente si informa di quello che compra e sceglie la qualità". Saverio e Alessandra Moschillo mostrano in via Sant’Andrea le novità di Husky, marchio di proprietà da molti anni, che vira su una collezione sartoriale applicata al famoso heritage regale inglese. Brit Beat la linea, grintosa ed elegante, con interni staccabili e funzionali, giacconi di nylon trapuntati che vanno in lavatrice, la fodera con l’immagine di Burt, il cane husky di Saverio, il cappottino bon ton blu a taglio vivo.

Laurence Steele, direttore creativo di Aspesi, manda in scena i suoi insuperabili classici: imper doppiati di piuma, field jacket, giacche camicia, tra blu, verde militare e punte di giallo ocra. La collezione è per uomo e per donna, per un armadio comune, e le taglie vanno dalla XXS alla XXL. Da Santoni le suole delle scarpe lussuosissime sono come sempre arancioni ma stavolta lo sono anche quelle per le calzature più rudi e giovanili. "Nel 2021 abbiamo visto una ripresa straordinaria dei mercati, Europa, America, Russia e Medio Oriente, superando il 2019", dice Giuseppe Santoni proprietario e Ceo dell’azienda marchigiana.

Antonio De Matteis, ad di Kiton, spariglia le carte dell’eccellenza con pull di vicuna strepitosi e cappotti tutta morbidezza coi tessuti del suo Lanificio Carlo Barbera. I suoi due gemelli, Walter e Mariano De Matteis che hanno debuttato a Pitti Uomo con la loro KNT anche qui a Milano sono molto apprezzati. Gioco di ruoli e di abiti tra lei e lui anche da Brioni con lo stilista austriaco Norbert Stumpfl che a Palazzo Durini lancia sei look al femminile rubati al maschio e sartorialmente perfetti. Silvia Venturini Fendi trionfa di bravura da Fendi con un uomo deciso e modaiolissimo. Ed entra nel mondo del metaverso con l’accordo con Ledger leader mondiale del digital asset management che porta avanti la rivoluzione Web 3.0 grazie a un hardware wallet facile da usare e sicuro, e una piattaforma di gestione digitale per le criptovalute e gli asset digitali. In passerella arriva il primo passaporto a marchio Fendi per le criptovalute.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?