Dettaglio del poster - Foto: 20th Century Studios/Berlanti Productions
Dettaglio del poster - Foto: 20th Century Studios/Berlanti Productions

Cosa succederebbe se il personaggio non giocante di un videogame, cioè quello che esiste esclusivamente in funzione dei giocatori, acquisisse una volontà propria e decidesse di conquistare i riflettori? Conosceremo la risposta a partire da mercoledì 11 agosto, giorno dell'uscita nei cinema italiani di 'Free Guy - Eroe per gioco', commedia d'azione con Ryan Reynolds e Jodie Comer protagonisti. La critica ne ha parlato tutto sommato bene, pur senza gridare al miracolo.

Free Guy, tutto sul film

La trama racconta di un normale cassiere di banca di nome Guy, che si alza contento ogni mattina, si reca al lavoro e regolarmente subisce una rapina: il suo mondo è infatti diviso tra persone con gli occhiali, che possono compiere qualunque tipo di nefandezza, e individui senza occhiali che devono subire. La verità è che il nostro protagonista è il personaggio non giocante di un videogioco open world e che coloro che indossano gli occhiali sono gli avatar di giocatori in carne e ossa. Un giorno, per una serie di coincidenze, Guy diventa consapevole della situazione e decide di smettere di fare da tappezzeria: si ritroverà a guidare una lotta contro il tempo per impedire che il gioco (dunque il suo mondo) venga cancellato.

'Free Guy - Eroe per gioco' è scritto da Matt Lieberman e Zak Penn, il primo autore di film come 'Qualcuno salvi il Natale' e 'La famiglia Addams', mentre il secondo di 'Ready Player One' e 'The Avengers', fra gli altri. La sceneggiatura è poi stata presa in mano da Shawn Levy, che si è occupato della regia facendo tesoro dell'esperienza maturata dirigendo per esempio 'Una notte al museo', 'Real Steel' e anche episodi della serie TV 'Stranger Things'.
Nel cast spiccano i volti di Ryan Reynolds ('Deadpool'), Jodie Comer ('Killing Eve'), Lil Rel Howery ('Scappa - Get Out'), Utkarsh Ambudkar ('Brittany non si ferma più'), Joe Keery ('Stranger Things') e Taika Waititi ('Jojo Rabbit').


Il trailer

Le recensioni, cosa ne pensa la critica

In generale la critica ha sentenziato che 'Free Guy - Eroe per gioco' è un valido film di intrattenimento, soprattutto nella prima parte, grazie al carisma cinematografico di Ryan Reynolds e al mondo scoppiettante nel quale si trova ad agire. Chi è stato più severo l'ha fatto soprattutto perché il sottotesto esistenziale, con l'appello alla ingenuità e creatività artistica, sembra essere appiccicato a un lungometraggio che in realtà è poco interessato a questo tipo di cose e sembra più che altro volersi dare un tono.