Emily Ratajkowski
Emily Ratajkowski

Pubblicato online il 20 marzo 2013, il videoclip 'Blurred Lines' divenne immediatamente un caso per via del suo contenuto osé: ora torna d'attualità perché Emily Ratajkowski, una delle modelle presenti sul set, ha accusato il cantante Robin Thicke di averla molestata durante le riprese. La rivelazione non arriva da un procedimento legale intentato dalla donna, bensì da un'anticipazione della sua autobiografia 'My Body', di prossima pubblicazione (il 9 novembre nei paesi di lingua inglese).

Emily Ratajkowski accusa Robin Thicke di molestie

'Blurred Lines' è una canzone del cantante canadese-americano Robin Thicke, alla quale hanno partecipato anche il rapper T.I. e il cantante Pharrell Williams. Tutti e tre compaiono nell'omonimo videoclip, accanto alle modelle Emily Ratajkowski, Elle Evans e Jessi M'Bengue. Di questo video esistono due versioni, una con le tre donne vestite e l'altra nella quale sono nude. Una scelta, quest'ultima, che nel 2013 contribuì alla fama del brano, ma che attirò anche numerose critiche, in particolare riguardo il contenuto sessista e misogino. A rincarare la dose giunge ora quanto raccontato da Emily Ratajkowski in 'My Body'.

L'estratto del libro è stato pubblicato dal Sunday Times, dal New York Post e dal Daily Beast. Vi si legge che "improvvisamente ho sentito la freddezza e l'estraneità delle mani di uno sconosciuto che mi prendevano a coppa il seno nudo da dietro. Istintivamente mi sono allontanata, girandomi a guardare Robin Thicke". La versione della modella è stata confermata da Diane Martel, regista del videoclip, che parlando con il Sunday Times ha detto: "Mi ricordo il momento in cui lui le ha afferrato il seno, uno per ogni mano. Era posizionato dietro di lei ed entrambi erano di profilo. Con tutto il mio aggressivo accento di Brooklyn ho gridato 'Cosa c***o stai facendo! Basta, le riprese sono terminate!'". Martel ricorda anche che in quell'occasione Robin Thicke si scusò "timidamente". Non è escluso che ora debba ripetersi, sulla scorta delle parole di Emily Ratajkowski.