9 mag 2022

Le 5 serie tv perfette per chi ha 30 anni, diverse dalle solite

Sogni, amori, lavoro e mistero: ecco le migliori serie TV dedicate ai trentenni da vedere in streaming

Serie Tv per chi ha 30 anni da vedere in streaming
Serie tv per chi ha 30 anni da vedere in streaming

I 30 anni rappresentano, per i più, il reale ingresso nell’età adulta. Un “passaggio” che viene messo in scena anche nelle serie TV. Molto spesso, infatti, le produzioni televisive portano sullo schermo personaggi alle prese con i piccoli, grandi cambiamenti che questa età comporta. Nuovi lavori, convivenze o matrimoni, nuove conoscenze (o amicizie storiche) e trasferimenti in grandi città. I trentenni, però, possono anche diventare i protagonisti perfetti di thriller avvincenti o storie fantasiose. Se le saghe di Sex and the City, Friends, How you met your mother e New Girl hanno sono scolpite nella storia della televisione, ecco 5 serie TV nuove e un po’ alternative, che chi ha 30 anni dovrebbe guardare in streaming per riconoscersi.

1. Valeria (Netflix)
Una produzione spagnola che trae ispirazione dalla serie di romanzi rosa scritti da Elísabet Benavent, anche nota come Betacoqueta. La prima stagione è stata rilasciata su Netflix nel maggio del 2020. Valeria è una scrittrice che alla soglia dei 30 anni capisce che qualcosa non va nel suo matrimonio e si rende conto di avere una carriera sul filo del rasoio. Impara, quindi, a mettere in discussione tutto della sua vita grazie a tre punti fermi: le migliori amiche Carmen, Lola e Nerea. In Spagna i romanzi da cui la serie è tratta sono diventati dei best seller e sono stati pubblicati anche in Italia dopo l’uscita in TV. La serie ha riscosso, inoltre, un successo tale da essere confermata anche per una seconda stagione.
È stata definita la versione europea di Sex and the city: irriverente, dagli spunti femministi e senza tabù.

2. Start-up (Prime video)
Un thriller psicologico che ha come campo d’azione il mondo delle criptovalute, del digitale e delle aziende innovative. I protagonisti sono quattro: un agente dell’FBI (Martin Freeman), un esperto di finanza (Adam Brody), un malavitoso (Edi Gathegi) e la creatrice di una nuova moneta virtuale, genio del mondo digitale (Otmara Marrero). Sebbene sia interamente ambientata a Miami, questa serie TV ha anche un tocco italiano: il produttore è infatti il romano Gianni Nunnari, che vive ormai stabilmente negli Stati Uniti. Tra i suoi lavori ci sono anche la produzione del kolossal 300 e del film Silence diretto da Martin Scorsese.
Perfetta per chi vuole capire qualcosa di più del mondo dei bitcoin ma anche per chi ama i thriller. Una serie capace di tenere gli spettatori perennemente con il fiato sospeso.

3. Nine perfect strangers (Prime video)
Una miniserie di successo che può contare su un cast stellare. Nove personaggi che non si conoscono si ritrovano per caso in una Spa che promette di trasformarli, curarli e rilassarli, ma capiscono presto che dovranno fare i conti con Masha, la proprietaria del resort (Nicole Kidman), una donna affascinante ma allo stesso tempo inquietante. Tra i protagonisti della serie compaiono – oltre alla Kidman – altri diversi volti hollywoodiani: Luke Evans, Bobby Cannavale, Regina Hall e i candidati agli Oscar Melissa McCarthy e Michael Shannon. La serie è tratta dall’omonimo romanzo di Liane Moriarty, autrice anche del libro “Big Little lies” da cui è stata tratta una serie che vede tra i protagonisti sempre Nicole Kidman. Il resort in cui le vicende sono ambientate – la Tranquillum House – esiste sul serio: si tratta però di un rifugio di campagna, isolato e immerso nella quiete, che è possibile affittare tramite AirBnb. Si trova in Australia e il suo nome è Soma Byron Bay.
Una miniserie avvincente e ricca di colpi di scena. L’ideale per chi adora i misteri.

4. Di nuovo 15 anni (Netflix)
Se potessi tornare indietro farei tutto allo stesso modo? A tanti è capitato di porsi questa domanda. Anita, la protagonista della serie TV brasiliana “Di nuovo 15 anni”, ha la possibilità di rispondere all’interrogativo. Quando ha 30 anni riesce, per caso, a ritornare indietro nel tempo e rivivere la sua adolescenza, modificando alcune cose che la condurranno a essere un’adulta migliore. Il format è la costruzione al contrario della trama di “30 anni in un secondo”, il film del 2004 in cui Jennifer Garner interpretava Jenna, un’adolescente che riusciva a fare un salto temporale nel futuro e a scoprire la trentenne che sarebbe diventata se non avesse cambiato qualcosa del suo presente.
Ironica, divertente, leggera. Una serie TV piacevole, da guardare senza impegno.

5. Anatomia di uno scandalo (Netflix)
Una produzione originale Netflix, tutta britannica. “Anatomia di uno scandalo”, uscito a metà aprile 2022, ha riscosso un enorme successo in tutto il mondo. La miniserie, che segna il ritorno sullo schermo di Sienna Miller, è composta da soli sei episodi e si può vedere per intero in un weekend. Sophie e James Whitehouse, i protagonisti, sono marito e moglie e si conoscono dai tempi del college. La loro vita viene sconvolta quando James – ministro dell’interno del Regno Unito – viene accusato di stupro e messo sotto processo e Sophie inizia a nutrire dubbi su di lui e sul suo passato. A metà tra il legal drama e il thriller, la serie riprende temi delicati e i concetti di subordinazione, privilegio e potere negli ambienti della politica. Argomenti trattati nella realtà nel caso Lewinsky e nel partygate su Boris Johnson.
Intrighi, sotterfugi, segreti e anche un tuffo nelle tradizioni della Gran Bretagna. Una serie che risulta nel complesso molto affascinante.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?