Giovedì 13 Giugno 2024

“Anna“, una donna in lotta contro il cemento

Il film "Anna" di Marco Amenta racconta la storia di una giovane donna sarda che lotta contro il potere oppressivo per difendere la sua terra. Basato su una storia vera, il film esplora temi di resistenza e coraggio, con l'attrice Rose Aste nel ruolo principale.

“Anna“, una donna in lotta contro il cemento

“Anna“, una donna in lotta contro il cemento

Sono riscaldate dallo stesso sole, respirano la stessa aria fatta di salsedine, elicriso e lentischio. E quel mare che le accarezza ogni notte le culla e le protegge. C’è una forma di simbiosi tra la Sardegna e Anna, la protagonista che dà anche il titolo al nuovo film del regista palermitano Marco Amenta, in sala nell’isola già dal 6 e in tutta Italia da giovedì con Fandango, dopo essere passato fuori concorso alle Giornate degli autori della Mostra del cinema di Venezia 2023 e premiato in numerosi festival. Il film, girato interamente nell’Isola con cast quasi tutto sardo, si concentra sulla vita e la storia di Anna, interpretata da Rose Aste, una giovane donna pronta a lottare per se stessa e per la sua terra. Bella, selvaggia e magnetica come la natura della sua Sardegna, Anna vive al ritmo del respiro della terra.

Quella terra aspra la protegge, fino al giorno in cui sarà lei a doverla proteggere dai mostri meccanici che vogliono violentarla. "Ispirato a una storia vera accaduta in Sardegna qualche anno fa, Anna è una storia di resistenza contro il potere – spiega il regista – Il potere spregiudicato di un capitalismo cieco pronto a distruggere tutto si rispecchia nel potere di una società maschilista e prevaricatrice e combattendo l’una la protagonista combatte anche l’altra".

Anna, aggiunge Amenta, "è una donna che non vuole abbassare la testa, non vuole essere una vittima ma non è nemmeno un’eroina; per me era importante tratteggiare il ritratto di una donna reale, piena di difetti e fragilità lontano da ogni stereotipo". Caratteristiche che il regista ha trovato in Rose Aste. "Io – dice l’attrice – dal personaggio di Anna ho imparato cosa vuol dire davvero avere coraggio, non arrendersi; la capacità di affrontare il dolore con una forza che a me spesso manca".