Lunedì 17 Giugno 2024

Ecco la voce spaventosa del campo magnetico terrestre. Ascolta l'audio

I ricercatori dell'università danese hanno tradotto in suoni le rilevazioni dei satelliti Esa

Copenaghen, 25 ottobre 2022 - Campo magnetico terrestre: ecco la voce ipnotica e inquietante, ideale come sottofondo anche per la notte di Halloween, ottenuta dai ricercatori dell’Università tecnica della Danimarca traducendo in suoni le rilevazioni scientifiche fatte dai tre satelliti della missione Swarm dell’Esa, l'Agenzia spaziale europea. 

Approfondisci:

Tempesta geomagnetica, quali interferenze su Gps e rete elettrica. Il fisico solare: “Cosa dicono i primi rapporti e quanto dura”

Tempesta geomagnetica, quali interferenze su Gps e rete elettrica. Il fisico solare: “Cosa dicono i primi rapporti e quanto dura”

Leggi anche: Asteroide di Natale: quando sarà visibile in Italia. L'Esa lancia la sfida: trovatelo

Ecco il lampo cosmico più vicino e più duraturo: ha il bagliore dell'oro

Asteroidi: mappa di quelli pericolosi. "Ecco la probabilità di impatto con la Terra"

Campo magnetico terrestre: quanto ci costano i capricci del Sole

Leggi anche: Il Sole e le foto mai viste prima. I segreti delle tempeste geomagnetiche. Guarda il video

"Ecco la voce del campo magnetico terrestre"

La voce del campo magnetico terrestre

L'audio, disponibile online anche sul sito dell'Esa, potrà essere ascoltato questa settimana anche in piazza Solbjerg a Copenhagen, dove sarà riprodotto tre volte al giorno grazie a un impianto audio installato nella pavimentazione.

"Abbiamo fatto in modo che ogni altoparlante rappresenti una diversa località della Terra e dimostri come il nostro campo magnetico è cambiato negli ultimi 100.000 anni", spiega il musicista Klaus Nielsen dell’ateneo danese.

Il rombo e la tempesta geomagnetica

"Il rombo del campo magnetico terrestre - prosegue Nielsen - è accompagnato da una rappresentazione di una tempesta geomagnetica prodotta da un brillamento solare avvenuto il 3 novembre 2011 e in effetti tutto questo sembra piuttosto spaventoso".

Il nostro scudo spaziale

L’intenzione ovviamente non è quella di incutere timore nelle persone, bensì di ricordare in modo originale l’esistenza del campo magnetico terrestre e la sua importanza per l’esistenza della vita sul nostro pianeta. Questa sorta di bolla invisibile agisce infatti da scudo, proteggendoci dalle radiazioni cosmiche e dalle particelle cariche trasportate dal vento solare. Il trio di satelliti Swarm dell’Esa, lanciato nel 2013, ha come obiettivo quello di indagare l’origine del campo magnetico terrestre misurando con precisione i segnali che provengono non solo dal nucleo terrestre, ma anche dal mantello, dalla crosta e dagli oceani, nonché dalla ionosfera e dalla magnetosfera