Con il sostegno di:

Sagre e feste d’autunno, le migliori del nord Italia

Carciofi, zucche, salumi, formaggi ma anche mele e pere: ecco le sagre da scoprire in autunno nelle regioni del nord Italia

sagre-e-feste-dautunno-le-migliori-del-nord-italia

Già a partire dalle prime settimane di ottobre, il nord Italia diventa lo scenario perfetto per ospitare le sagre autunnali. Salumi, formaggi e piatti preparati con le verdure tipiche di questo periodo dell’anno diventano i protagonisti di feste di paese e manifestazioni culinarie. Ecco quelle da non perdere.

1. Sagra del ciapinabò – Carignano (Piemonte)

Il ciapinabò, anche detto carciofo di Gerusalemme, è un tubero che proviene dal nord America. È arrivato in Italia nel tardo ‘600 e da allora è entrato a far parte della cucina tipica piemontese. È infatti utilizzato in tantissimi piatti tradizionali e si sposa benissimo con la bagna cauda. Proprio perché è ormai considerato un prodotto tipico regionale, a Carignano ogni secondo weekend di ottobre (quest’anno dal 7 al 9) si celebra la sagra del ciapinabò. Piatti a base di carciofo di Gerusalemme, prelibatezze e dolci tradizionali e mostre d’arte riempiono le strade di questo borgo in provincia di Torino.

2. Festa del salame – Cremona (Lombardia)

Dal 7 al 9 ottobre il centro storico di Cremona ospita la festa del salame, prodotto d’eccellenza della zona. Un evento che raccoglie tutti i maggiori salumifici d’Italia ma anche produttori specializzati provenienti dall’estero. I diversi stand conducono i visitatori alla scoperta di un goloso percorso gastronomico e culturale tra workshop, incontri tematici, cooking show e, ovviamente, tantissime degustazioni. Ogni anno, inoltre, il festival del salame organizza un evento speciale: nelle edizioni del passato i visitatori hanno potuto assistere al lancio di un salame nello spazio e alla realizzazione di un sandwich da record. Quale sarà la sorpresa dell’edizione 2022?

3. Pomo Pero – Lusiana (Veneto)

Sabato 8 e domenica 9 ottobre, Lusiana – in provincia di Vicenza – ospita la ventitreesima edizione della ‘Pomo Pero’. La festa si svolge nel centro storico del borgo in cui, per due giorni, vengono esposte le diverse varietà di mele e pere che si coltivano nel territorio veneto. Nella piazza centrale della cittadina e nel corso principale si svolge inoltre il mercatino di prodotti tipici in cui degustare e acquistare, oltre alla frutta, anche formaggi tipici, confetture artigianali, tisane realizzate con erbe locali e molti altri prodotti della tradizione.

4. Formai dal mont – Ville d’Anaunia (Trentino Alto Adige)

A Tassullo (frazione di Ville d’Anaunia, in provincia di Trento), nel cuore della Val di Non, il 22 e il 23 ottobre si svolge la manifestazione ‘Fromai dal mont’. Si tratta di un evento in cui i pastori e i produttori di formaggi che vivono e lavorano nella valle espongono e vendono i loro prodotti. I visitatori possono dedicarsi alle degustazioni di formaggi ma anche agli assaggi di altri piatti tipici della zona. Nel corso dell’evento sono organizzati per i più piccoli anche dei laboratori didattici che consentono di apprendere la antica arte della produzione del formaggio.

5. Sagra del Pan Zal – San Vito al Tagliamento (Friuli Venezia Giulia)

Il ‘pan zal’ è il tipico pane dolce alla zucca che si prepara in autunno in diverse zone d’Italia, tra cui il Friuli Venezia Giulia. Nel comune di San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone, si tiene ogni anno una lunga sagra dedicata principalmente a questa focaccia dolce. Nel 2022 i chioschi e gli stand espositivi saranno ospitati il borgo dal 13 al 23 ottobre. Lungo il mercato, oltre al pan zal, si potranno gustare altri piatti a base di zucca come gli gnocchi al sugo di zucca e di anatra o le tagliatelle zucca e speck, ma anche altre prelibatezze tipiche della tradizione culinaria friulana.