'Virtuosa'
'Virtuosa'
È stata battezzata ‘Virtuosa’. E nomen omen, perché l’ultima nata in casa Msc è una città sul mare che ha fatto della sostenibilità il suo faro. Nella cattedrale dello sfarzo nel deserto che è Dubai, nell’anno del Giubileo d’Oro degli Emirati Arabi che ospita l’Expo del “Connecting minds, creating the future”, Sophia Loren ha ‘benedetto’, come ormai consueto, il primo viaggio della nave da mille e una notte, diciannovesima della flotta Msc. Seimilatrecento ospiti, 1.700 membri dell’equipaggio, 19 ponti per 181,5 tonnellate, la Msc Virtuosa (nella foto in basso) promette "un’esperienza di vacanza del tutto personalizzabile, con servizi a cinque stelle e la possibilità di visitare ogni giorno un luogo diverso, a un prezzo del tutto competitivo", ha riassunto Leonardo Massa, managing director Italia di Msc. Dieci ristoranti, 21 bar e...

È stata battezzata ‘Virtuosa’. E nomen omen, perché l’ultima nata in casa Msc è una città sul mare che ha fatto della sostenibilità il suo faro. Nella cattedrale dello sfarzo nel deserto che è Dubai, nell’anno del Giubileo d’Oro degli Emirati Arabi che ospita l’Expo del “Connecting minds, creating the future”, Sophia Loren ha ‘benedetto’, come ormai consueto, il primo viaggio della nave da mille e una notte, diciannovesima della flotta Msc. Seimilatrecento ospiti, 1.700 membri dell’equipaggio, 19 ponti per 181,5 tonnellate, la Msc Virtuosa (nella foto in basso) promette "un’esperienza di vacanza del tutto personalizzabile, con servizi a cinque stelle e la possibilità di visitare ogni giorno un luogo diverso, a un prezzo del tutto competitivo", ha riassunto Leonardo Massa, managing director Italia di Msc.

Dieci ristoranti, 21 bar e lounge, 5 piscine, un acquapark e poi palestra, campo da calcio, spa, una galleria commerciale di 112 metri sotto un cielo virtuale in continuo mutamento, casinò, teatri e sale giochi sono solo alcune delle possibilità di svago da godere a bordo di questa ammiraglia, dove un barista ‘speciale’ potrà personalizzare i cocktail degli ospiti: si tratta di Rob (nella foto in alto), il primo barman umanoide futuristico del mondo, un’esclusiva di Msc Virtuosa. Rob è un robot barman che interagisce direttamente con l’ospite: attraverso un monitor è possibile scegliere tra una lista di cocktail che Rob è già programmato per realizzare e shakerare, ordinandoli direttamente tramite lo schermo touchscreen. Altrimenti, il robot barman può soddisfare le esigenze del suo cliente anche realizzando cocktail ad hoc: sempre cliccando sul monitor del bar, ognuno può scegliere tra una lista di alcolici, sciroppi e succhi che il preparatissimo Rob miscelerà, per il drink perfetto personalizzato. Rob lavora al ponte 7, allo Starship club dove “collabora” con colleghi umani in abiti adeguati a una spedizione spaziale, oltre che marittima.

Ma Virtuosa non è solo fascino e relax. Perché dietro questa eccellenza del mare, costruita da Fincantieri e pronta a salpare in viaggi da sogno nel Golfo Persico, c’è un impegno concreto per migliorare la salute del mare e della terra. Msc infatti, terzo brand crocieristico al mondo, ha progettato la sua Virtuosa con tecnologie all’avanguardia per la salvaguardia dell’ambiente: un passo verso "l’obiettivo, per il 2050, di arrivare a navi ad emissione zero di gas serra", come ha spiegato Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di Msc Crociere. "Preservare il mare – ha riassunto Massa – equivale a preservare il nostro business". Salute della terra e salute degli ospiti: in questo secondo anno scandito dalla pandemia, la politica di Msc è votata alla sicurezza totale per gli ospiti a bordo: si sale solo se in possesso di certificato di avvenuta vaccinazione (ciclo completo) e subito prima di imbarcarsi ogni ospite deve sottoporsi a un tampone molecolare, che può essere fatto anche all’homeport Msc a Mina Rachid, nel porto di Dubai.

"Vogliamo essere sempre un passo avanti e sempre un passo più restrittivi nelle regole sulla sicurezza a bordo, perché dobbiamo preservare questa bolla dove convivono oltre settemila persone. Questa politica non ci penalizza – ha assicurato Massa –, ma come dimostrato in questi mesi aumenta la nostra credibilità e il consenso". Un consenso dimostrato dai numeri: "Questa estate – ha precisato Massa – abbiamo movimentato, solo in Italia, un milione di turisti. Per la prossima estate 2022, quando torneremo in mare con tutta la flotta, contiamo di servire 80mila ospiti a settimana in tutto il mondo".

Nel rispetto delle stesse norme di sicurezza, una scintillante Sophia Loren, affiancata dal capitano Francesco Saverio Veniero, ha battezzato la nave, nella cerimonia condotta dal noto personaggio televisivo degli Emirati Omar Butti, nell’evento in collaborazione con il Dipartimento dell’Economia e del Turismo di Dubai e Dp World. Tra gli ospiti, anche il nuotatore campione olimpico Massimiliano Rosolino. Poi, nella notte di Mina Rachid i fuochi d’artificio hanno illuminato lo skyline di Dubai e aperto il mare alla Virtuosa, pronta a toccare da oggi i porti di Abu Dhabi, Sir Bani Yas Island e Doha.