Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
29 mag 2022

Gli oligarchi russi spengono i super yacht. Ecco come aggirano i sequestri

Disattivano il sistema di bordo che evidenzia la posizione dell’imbarcazione. Ipotesi confisca al vaglio della Ue

29 mag 2022
alessandro farruggia
Esteri
featured image
L’Ocean Victory dell’oligarca Rashnikov misura 140 metri e da mesi è 'invisibile'
featured image
L’Ocean Victory dell’oligarca Rashnikov misura 140 metri e da mesi è 'invisibile'

Roma, 30 maggio 2022 - È guerra agli oligarchi russi, una guerra che con il nuovo pacchetto di sanzioni potrebbe andare oltre il sequestro e giungere fino alla confisca dei beni. I miliardari russi temono da mesi per le loro ville, le loro aziende, i loro lussosi yacht, 13 dei quali sono già stati sequestrati in vari paesi. Già da fine febbraio è battaglia navale tra gli oligarchi e l’Occidente, con i super ricchi amici di Putin impegnati a cercare di salvare i loro megayacht dalle sanzioni. Il primo tentativo degli oligarchi – in alcuni casi riuscito – è stato mettere in salvo gli yacht in paesi che non applicano sanzioni. Adesso per sfuggire alla caccia nei loro confronti, alcuni di loro hanno anche dato ordine di spengere il sistema di identificazione automatica (Ais) di bordo, che permette di conoscere l’esatta posizione di ogni imbarcazione. Secondo una inchiesta del settimanale britannico Observer , sono almeno sei gli yacht che hanno usato questo stratagemma. Tra questi ’l’Alfa Nero’ , 82 metri, legato al ’re dei fertilizzanti’ Andrey Guriyev, scomparso dal 3 marzo a StMarteen, ai Caraibi, e rivisto la scorsa settimane all’ancora nell’isola di Antigua, sempre ai Caraibi ma non più sotto giurisdizione olandese/francese (e rischio sequestro) come St Marteen. E poi c’è il ’Clio’, 72 metri, legato al magnate dell’alluminio Oleg Deripaska, che ha navigato a trasmettitore Ais spento per ben 7.374 miglia nautiche, dalle Seychelles alla Turchia, via Suez, ed è ricomparso il 18 aprile nelle acque di Sochi, in Russia. Terzo caso quello del ’Galactica Supernova’, 70 metri, legato al’oligarca Vagit Alekperov, già presidente di Lukoil, che è ’scomparso’ dai monitor il 2 marzo quando si trovava in Montenegro e ora è presumibilmente tornato in Russia. Quarto caso quello del maestoso ’Ocean Victory’ (140 metri) ritenuto dell’oligarca Victor Rashnikiv, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?