7 mag 2022

Afghanistan, i talebani impongono il burqa in pubblico alle donne

L'ordinanza è una delle più severe imposte alle donne da quando il gruppo estremista ha riconquistato il potere a Kabul. Il burqa è l'abito tradizionale musulmano più costrittivo, la storia indietro di oltre 20 anni

featured image
Una donna col burqa a Kabul

Kabul, 7 maggio 2022 - Le donne in Afghanistan dovranno indossare sempre il burqa in pubblico. E' la decisione imposta dal leader supremo dei talebani, che riporta la storia indietro la storia di oltre 20 anni. 

Il burqa è l'abito tradizionale musulmano più costrittivo, quello che copre interamente il corpo, compresa la testa, lasciando solo una fessura o una finestrella, talvolta velata, all'altezza degli occhi che permette la visuale. L'ordinanza è una delle più severe riguardanti le donne da quando il gruppo estremista ha riconquistato il potere a Kabul. "Dovrebbero indossare un chadori (il burqa dalla testa ai piedi) poiché è tradizionale e rispettoso", è la motivazione data nel decreto emesso da Hibatullah Akhundzada reso pubblico dalle autorità talebane durante un evento a Kabul. Nei giorni successivi al loro ritorno al potere i talebani, che nel frattempo ha anche vietato l'istruzione femminile, avevano fatto capire che le donne non avrebbero dovuto indossare il burqa, ma solo l'hijab. 

"Le donne che non sono né troppo giovani né troppo anziane - si legge nel decreto - dovrebbero velarsi il viso di fronte a un uomo che non è un membro della loro famiglia", per evitare provocazioni. Ma non solo: se non hanno un compito importante da svolgere all'esterno, è "meglio che rimangano a casa". I talebani avevano infatti imposto l'uso del burqa durante il loro primo periodo al potere tra il 1996 e il 2001, segnato da una forte repressione dei diritti delle donne, in base alla loro radicale interpretazione della Sharia, la legge islamica. Dopo aver preso il potere a metà agosto, mettendo fine a vent'anni di occupazione da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che li avevano cacciati nel 2001, i talebani avevano promesso questa volta di essere più flessibili. Ma nel giro di poco tempo hanno iniziato a non rispettare questa promessa erodendo gradualmente e costantemente i diritti e le libertà delle donne. Attualmente sono infatti in gran parte escluse dai lavori pubblici ed è loro vietato viaggiare da sole. E nel marzo scorso i talebani hanno chiuso le scuole superiori e i college alle ragazze, poche ore dopo la loro riapertura da tempo annunciata.

Usa "estremamente" preoccupati 

Gli Usa sono "estremamente preoccupati" dall'erosione dei diritti delle donne in Afghanistan. Lo  ha detto un portavoce del dipartimento di stato, aggiungendo che Washington e i suoi partner internazionali "restano profondamente inquietati dai recenti passi dei talebani verso donne, comprese le restrizioni sull'educazione e sui viaggi".

 Per il commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni l'obbligo di burqa imposto dai talebani è una "nostra sconfitta". 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?