Algeri, 10 gennaio 2018 - Hai visto mai la neve nel deserto? Sì, ma poche volte. Quattro negli ultimi 40 anni, per la precisione. Almeno con questi 'volumi'. E' gennaio e se possiamo aspettarci che località montane come Cervinia e Sestriere sperimentino forti nevicate, decisamente inusuale è che a imbiancarsi sia il deserto del Sahara, uno dei luoghi più caldi e secchi del pianeta dove le temperature superano spesso i 40 gradi. Sembra strano, eppure è quanto si vede nelle immagini della Bbc che arrivano dalla porta del deserto, 'Ain Sefra', una cittadina berbera dell'Algeria situata a 1000 metri di altitudine, dove il Sahara incontra la catena montuosa dell'Atlante. Qui, i fiocchi hanno cominciato a cadere domenica e, nel giro di due giorni, hanno ricoperto ampie porzioni delle dune color zafferano. In alcune zone si sono raggiunti i 40 centimetri di manto bianco.

NEVERECORD_OBJ_FOTO_28046756

METEO IMPAZZITO? Secondo i metereologi, la ragione del bizzarro fenomeno sarebbe l'alta pressione che imperversa sull'Europa, e che contribuisce a spingere l'aria fredda verso il Nord Africa. Anche il Marocco è stretto nella morsa del freddo, con temperature sotto lo zero e forti nevicate già a 900 metri che hanno costretto il governo a lanciare una massiccia 'operazione grande freddo', per distribuire coperte e derrate alimentari alle popolazioni rimaste isolate dal maltempo. Secondo quanto riportato dalla Bbc, un fenomeno nevoso di questa entità si è registrato solo altre tre volte negli ultimi 40 anni. 

Le nevicate non sarebbero in realtà evento raro per chi vive nella zona (ricordare la canzone 'Snow oh the Sahara di Anggun?): "Siamo una 'porta sul deserto', qui si trovano laghi, foreste, dune, pini marittimi e neve tutto nello stesso posto, questa è la nostra bellezza" ha scritto in un commento online un cittadino di Ain Sefra. Il nome della cittadina in arabo vuol dire "sorgente gialla". Ma anche per i residenti, perlopiù berberi, l'evento di questi giorni è comunque straordinarie: una quantità di neve simile era stata misurata solo altre tre volte negli ultimi 4 decenni.