Luna, riparte la corsa: lanciato Peregrine, il primo lander di un’azienda privata

La missione Cert-1 è partita dalla base di Cape Canaveral. L'allunaggio è previsto il 23 febbraio

Il lancio della missione Cert-1 con a bordo il lander privato Peregrine (Ansa)
Il lancio della missione Cert-1 con a bordo il lander privato Peregrine (Ansa)

Roma, 8 gennaio 2024 – Riparte la corsa alla Luna, ma questa volta non è più solo un affare di grandi potenze. E’ partita da Cape Canaveral, in Florida, la missione Cert-1, che trasporta il primo lander costruito da un’azienda privata, la Astrobotic. A bordo di Peregrine (al lander è stato dato il nome dell’uccello più veloce, ossia il falco pellegrino) ci sono esperimenti e strumenti della Nasa e di altri sette Paesi. E di un'azienda privata, la United Launch Alliance, è anche il razzo Vulcan che trasporta il lander e stamattina è stato lanciato dalla piattaforma 41 della Space Force Station.

Il lancio della missione Cert-1 con a bordo il lander privato Peregrine (Ansa)
Il lancio della missione Cert-1 con a bordo il lander privato Peregrine (Ansa)

L'allunaggio di Peregrine è previsto il 23 febbraio e, se avverrà regolarmente, sarà il primo veicolo a posarsi sul nostro satellite dopo oltre mezzo secolo dall'ultima missione del programma Apollo, nel 1972. Peregrine sarà quindi operativo per una decina di giorni prima che il luogo di allunaggio si immerga nell’oscurità raffreddandosi e rendendo impossibili ulteriori esperimenti.

Da segnalare poi che, a bordo del razzo Vulcan Centaur, c'era anche un altro carico organizzato dalla società di sepoltura spaziale Celestis. Si tratta di 265 capsule con resti umani e campioni di Dna, fra gli altri, degli ex presidenti degli Stati Uniti John F. Kennedy, George Washington e Dwight Eisenhower, ma anche del "creatore e diversi membri del cast della serie televisiva originale di Star Trek, nonché un astronauta dell'epoca Apollo, assieme a persone di ogni ceto sociale, interesse e vocazione", secondo il sito web della società. L'astronauta dell'Apollo i cui resti sono a bordo del volo Enterprise è Philip Chapman, che fu selezionato per il corpo degli astronauti nel 1967 ma non volò mai nello spazio. Le capsule sono dirette verso lo spazio profondo dove trascorreranno l'eternità in orbita attorno al Sole, secondo gli auspici di Celestis.

Al di là degli scopi scientifici e funerari, comunque, con questo lancio entra nel vivo la nuova corsa alla Luna. Mentre la missione Cert-1 è in volo, il rover giapponese Slim è già nell'orbita lunare, che il 19 gennaio dovrebbe eseguire un allunaggio di precisione senza precedenti. Intanto, dopo aver rinviato il lancio della sua missione Im-1 da gennaio al non prima del 12 febbraio, l'azienda privata Intuitive Machine intende portare il suo lander Nova-C sul suolo lunare il 22 febbraio.  

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui