Domenica 14 Luglio 2024

Israele news, Iran minaccia: “Con invasione situazione fuori controllo”. Usa mandano altra portaerei nel Mediterraneo. Libano, razzo su base Unifil, Crosetto: “Se manca sicurezza faremo rientrare i nostri militari”

L’esercito di Tel Aviv si prepara all’attacco via terra. Evacuate le città israeliane al confine con la Striscia. Colpito ospedale anglicano a Gaza. Razzo su base Unifil a Naquora dove ci sono un centinaio di militari italiani, Crosetto: “Valuteremo se far rientrare i nostri come successo a Gerico”. Ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen: “Il Vaticano condanni chiaramente Hamas”. Netanyahu ha invitato Biden in Israele, ma il presidente Usa non andrà. Radio Praga: “Sopravvissuta ceca alla Shoa trucidata dai terroristi nel kibbutz Kissufim”

Tel Aviv, 15 ottobre 2023 – Crescono i timori di un possibile allargamento del conflitto tra Israele e Hamas ad altre zone della regione mediorientale. Così mentre sembra sempre più imminente l’attacco via terra alla Striscia di Gaza da parte dell’esercito di Tel Aviv, gli Usa aumentano gli sforzi diplomatici: il segretario di Stato Antony Blinken oggi è al Cairo, domani ritornerà a Gerusalemme per nuove consultazioni. 

Massima attenzione alle mosse dell’Iran, la Casa Bianca non esclude che possa esserci un intervento diretto da parte del regime di Teheran a cui oggi la Cina ha fatto sapere di sostenere la "giusta causa del popolo palestinese nella salvaguardia dei suoi diritti nazionali". Teheran auspica che "gli sforzi politici riusciranno a prevenire che la guerra si estenda altrimenti nessuno sa cosa potrà accadere prossimamente”, ha detto il ministro degli Esteri, Hossein Amir Abdollahian, sottolineando che "l'Iran non può rimanere spettatore in questa situazione".

Intanto continuano gli attacchi missilistici su Gaza e il Papa ha lanciato un appello affinché “si eviti di versare nuovo sangue innocente e di preservare almeno i civili”.

Numerosi missili anticarro sono invece stati lanciati dal Libano contro postazioni delle truppe di Tel Aviv. L’attacco è stato rivendicato da Hezbollah, che li ha motivati come "risposta all'uccisione di un giornalista" di Reuters e "dei civili". L’aviazione israeliana ha risposto colpendo infrastrutture del movimento sciita libanese. Il ministro della difesa Yoav Gallant ha tuttavia ribadito che Israele non è interessato ad aprire un fronte di guerra alla frontiera con il Libano.

21:02
Israele: ucciso altro comandante di Hamas

L'esercito israeliano ha annunciato di aver ucciso un altro comandante di Hamas. Si tratta di Ma'taz Eid, reponsabile della sicurezza nel disretto meridionale di Gaza, colpito a morte in un attacco aereo israeliano sulla Striscia, riferisce Haaretz.

20:14
Netanyahu ha invitato Biden in Israele, ma il presidente Usa non andrà

A distanza di poche ore dall'invito del premier israeliano Benyamin Netanyahu al presidente americano Joe Biden a compiere una visita di 'solidarietà' la prossima settimana in Israele, dalla Casa Bianca è arrivato un no. "Non abbiamo nuovi annunci di viaggi" ha detto ai giornalisti la portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della White House, Adrienne Watson.

19:56
Sopravvissuta Shoa trucidata dai terroristi di Hamas

Gina Smiatich, una sopravvissuta cecoslovacca alla Shoah del campo di Terezin, è stata uccisa dai miliziani di Hamas nel suo salotto nel kibbutz di Kissufim, vicinissima a Gaza, sabato 7 ottobre. Lo riferisce Radio Praga, che cita fonti dell'esercito israeliano, e la notizia compare nel Memoriale del campo di Terezin. 

19:31
Israele contro il Vaticano: "Condanni chiaramente Hamas"

Israele "si aspetta che il Vaticano emetta una condanna chiara e inequivocabile delle azioni terroristiche omicide dei terroristi di Hamas che hanno colpito donne, bambini e anziani per il solo fatto che sono ebrei e israeliani. È inconcepibile che si esprima preoccupazione in primo luogo per i cittadini di Gaza quando Israele seppellisce 1.300 persone uccise", ha detto il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen in un colloquio telefonico con il segretario per i rapporti con gli Stati della Santa Sede, Paul Gallagher.

18:38
Difesa civile palestinese: "Sotto le macerie della Striscia di Gaza più di mille dispersi"

Oltre mille persone sono disperse nella Striscia di Gaza sotto le macerie in seguito ai raid israeliani, ha denunciato la difesa civile palestinese. Il bilancio delle vittime palestinesi a Gaza, dallo scorso 7 ottobre, è salito nel frattempo a 2.670 morti, e più di 9.600 feriti.

18:37
"Razzo era di Hezbollah, ma base Unifil non era obiettivo"

Fonti militari hanno riferito che il razzo che ha colpito la base Unifil è stato lanciato da Hezbollah e avrebbe raggiunto un'area logistica all'interno della base di Naqoura dove non c'erano in quel momento soldati. Le stesse fonti sottolineano che la base non era l'obiettivo del lancio e che l'episodio sarebbe dovuto ad un calcolo impreciso della traiettoria. Tutti i militari presenti nella base si sono rifugiati nei bunker per poi uscire ad allarme cessato. Nella base operano tra gli altri un centinaio di militari italiani. Al momento non è prevista l'evacuazione della base che può essere decisa solo dall'Onu.

17:58
Herzog: "Hamas ha un manuale per la presa di ostaggi" 

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha rivelato in alla Cnn che Hamas ha preparato un manuale per la presa degli ostaggi in cui sono incluse istruzioni per le varie fasi del processo di rapimento. Il manuale è stato ritrovato sul corpo di uno dei terroristi.

17:58
Israele: "Gli ostaggi sono 155"

L'esercito israeliano ha contattato le famiglie di 155 ostaggi rapiti di Hamas nell'attacco del 7 ottobre, secondo un nuovo bilancio di persone rapite fornite dal portavoce militare. 

17:48
Crosetto: "Se manca sicurezza rientro militari come contingente Gerico  

Il ministro Crosetto ha commentato all'ANSA la notizia del razzo che ha colpito il quartiere generale del contingente Onu nel sud del Libano (Unifil): "Quello di oggi non è un attacco rivolto a Unifil e non avevamo bisogno succedesse per essere in allerta. Da giorni ci coordiniamo con l'Onu e c'è un valutazione continua che si fa ora per ora. Ma qualora non ci fossero le condizioni di sicurezza per i nostri militari, faremmo le stesse valutazioni fatte per il contingente a Gerico".
 

16:53
Razzo colpisce base Unifil in Libano dove ci sono anche gli italiani

Un razzo ha colpito il quartier generale della missione dell'Onu nel sud del Libano Unifil a Naqoura, denuncia un comunicato. "Stiamo lavorando per verificare da dove è stato lanciato. I nostri 'caschi blu' non erano nel sito al momento, fortunatamente nessuno è stato ferito". Alla missione dell'Onu prendono parte anche 1103 militari italiani. 

16:09
Blinken: il valico di Rafah sarà aperto per aiuti umanitari

 Il valico di frontiera di Rafah tra Gaza e l'Egitto "sarà aperto" per gli aiuti umanitari nella Striscia, come chiedeva l'Egitto per sbloccare l'uscita di circa 500 americani: lo ha detto il segretario di Stato statunitense Antony Blinken partendo dal Cairo. "Stiamo mettendo in atto con le Nazioni Unite, con l'Egitto, con Israele e con altri il meccanismo attraverso il quale ottenere assistenza e portarla alle persone che ne hanno bisogno", ha detto ai giornalisti. Blinken ha anche affermato che gli Stati Uniti hanno nominato un inviato, l'ex diplomatico di lunga data David Satterfield, per lavorare sugli aiuti a Gaza.

15:31
I 27 della Ue: "Sia garantita la protezione di tutti i civili"

"L'Unione europea condanna con la massima fermezza Hamas e i suoi attacchi terroristici brutali e indiscriminati in tutto Israele e deplora profondamente la perdita di vite umane. Non esiste alcuna giustificazione per il terrorismo. Sottolineiamo con forza il diritto di Israele a difendersi in linea con il diritto umanitario e internazionale di fronte a tali attacchi violenti e indiscriminati - scrivono in una dichiarazione congiunta i ventisette Paesi dell'Unione europea -. Ribadiamo l'importanza di garantire la protezione di tutti i civili in ogni momento in linea con il diritto internazionale umanitario". Inoltre "è fondamentale prevenire l'escalation regionale", sottolineano i 27, sottolineando il loro impegno "a favore di una pace duratura e sostenibile basata sulla soluzione dei due Stati attraverso sforzi rinnovati nel processo di pace in Medio Oriente".

15:14
Almeno 2.450 morti per i bombardamenti sulla Striscia

I bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza hanno ucciso almeno 2.450 persone dall'attacco di Hamas contro lo Stato ebraico lo scorso 7 ottobre. Lo ha riferito il ministero della Sanità dell'enclave palestinese, precisando che 9.200 persone sono rimaste ferite.

14:49
Al Sisi a Blinken: "Reazione di Israele oltre l'autodifesa"

La reazione di Israele all'attacco di Hamas è andata oltre l'autodifesa e si è tradotta in una punizione collettiva. A dirlo il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi al segretario di Stato americano Antony Blinken durante il loro incontro al Cairo, secondo quanto riportano alcuni media Usa. Al Sisi ha anche affermato di essere contro gli attacchi a qualsiasi civile nel conflitto in corso. Intanto l'ufficio del primo ministro israeliano ha reso noto che le vittime dell'attacco del 7 ottobre in Israele sono state 1.400.

14:18
Uccisi 12 giornalisti dall'inizio della crisi in Medio Oriente

Sono almeno 12 i giornalisti uccisi durante gli otto giorni di conflitto dopo l'attacco di Hamas. Lo ha riferito il 'Comitato di protezione dei giornalistì (Cpj) citato da Haaretz secondo cui altri 2 sono attualmente considerati dispersi, mentre altri otto sono rimasti feriti. "Il Cpj - ha detto Sherif Mansour coordinatore dell'organizzazione per il Medio Oriente e il Nord Afica - sottolinea che i giornalisti sono civili che fanno un lavoro importante durante tempi di crisi e non devono essere presi di mira dalle parti in guerra". 

13:42
Usa: "Non possiamo escludere coinvolgimento dell'Iran"

Gli Stati Uniti temono un'escalation della guerra tra Israele e Hamas e la prospettiva di un coinvolgimento diretto dell'Iran. Parlando alla Cbs, il consigliere per la Sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha parlato della possibilità di un nuovo fronte di battaglia al confine tra Israele e Libano e ha aggiunto: "Non possiamo escludere che l'Iran scelga di impegnarsi direttamente in qualche modo. Dobbiamo prepararci ad ogni possibile eventualità".

13:26
Crosetto all'Egitto: "Vitale aprire il valico di Rafah"

"È vitale che il valico di Rafah venga aperto per consentire ai palestinesi di lasciare Gaza. L'Egitto dimostri la sua leadership nel mondo arabo ed Israele che la guerra è solo contro Hamas". Lo scrive su X il ministro della Difesa, Guido 
Crosetto

13:25
Cina: "Sosteniamo i Paesi islamici"

La Cina "sostiene i Paesi islamici nel rafforzare l'unità e il coordinamento sulla questione palestinese" al fine di parlare "con una sola voce". È quanto ha detto il massimo diplomatico di Pechino, Wang Yi, nel corso di una telefonata avuta oggi con l'omologo iraniano Hossein Amir -Abdollahian. "La comunità internazionale dovrebbe agire per opporsi alle azioni di qualsiasi parte che danneggiano i civili", ha aggiunto Wang, nel resoconto dei media statali cinesi. 

12:45
Netanyahu: "Spezzeremo Hamas che voleva spezzarci"

Hamas "pensava che Israele si sarebbe spaccata, ma saremo noi a spaccare Hamas", ha detto il premier Benyamin Netanyahu nella prima riunione di gabinetto del governo di emergenza. "Questo governo sta lavorando 24 ore al giorno e l'unità di Israele manda un chiaro messaggio alla nazione, al nemico e al mondo". La riunione ha poi osservato un minuto di silenzio in ricordo degli israeliani morti a causa dell'attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre. 

12:26
Continuano i lanci di missili dal Libano

Continuano i lanci di missili anti tank dal Libano contro il nord di Israele, compreso contro una postazione dell'esercito di Tel Aviv. Lo riferisce il Jerusalem Post aggiungendo che ai residenti di Menara, Malkia, Yiftach, Margaliot e Ramot Naftali è stato chiesto di cercare riparo. Da stamattina diversi missili anticarro sono stati lanciati da Hezbollah contro Shtula, ha riferito l'esercito israeliano che ha a sua volta risposto colpendo il sud del Libano. Hezbollah, aggiunge il Jerusalem Post, ha rivendicato il lancio di missili. 

12:20
L'ambasciata Usa: "Americani, spostatevi a Sud"

L'ambasciata americana a Gerusalemme ha esortato i propri concittadini nel nord della Striscia di Gaza a dirigersi a sud prima della prevista operazione di terra d'Israele. "Si consiglia ai cittadini statunitensi che possono farlo in sicurezza di spostarsi nel sud di Gaza adesso". "Stiamo lavorando su potenziali opzioni per la partenza da Gaza per i cittadini statunitensi", si legge nella nota

12:17
Nuova portaerei dagli Usa

Gli Usa hanno mandato una seconda  portaerei nel Mediterraneo orientale come "deterrenza contro azioni ostili a Israele": lo ha annunciato questa notte il Pentagono

11:45
Iran: "Situazione fuori controllo se Israele invade Gaza"

"Nessuno può garantire il controllo della situazione" se Israele invade Gaza. È questo l'avvertimento lanciato dall'Iran, mentre continuano i bombardamenti israeliani sulla Striscia, il lancio di missili di Hamas contro lo Stato ebraico e aumentano tensioni e scontri al confine con il Libano.

10:51
Circa 1.500 ebrei ortodossi hanno chiesto di potersi arruolare

Circa 1.500 ebrei ortodossi (haredim) di età superiore all'età di esenzione dalla coscrizione militare (26 anni) hanno chiesto di unirsi al servizio di riserva dell'esercito dall'inizio del conflitto. Le domande - secondo Haaretz - saranno ora valutate dalle forze armate. Di norma per gli ebrei ortodossi in Israele c'è l'esenzione dalla leva.

10:31
Israele: "Sono 126 gli ostaggi nelle mani di Hamas: anche stranieri"

L'esercito israeliano ha reso noto che il numero di ostaggi israeliani confermati, nelle mani di Hamas a Gaza, è di 126. Hamas ha fatto sapere che 13 ostaggi sono rimasti uccisi sotto i bombardamenti israeliani, e che tra di loro ci sono anche stranieri (senza specificare la nazionalità).

10:18
Il Papa sul Medio Oriente: "Basta sangue. Liberare gli ostaggi e risparmiare i civili"

Nuovo appello di Papa Francesco per la pace in Medio Oriente. Al termine dell'Angelus domenicale, il Papa ha detto di "pensare ai tanti, in particolare ai piccoli e anziani" colpiti dal conflitto armato ed ha rivolto un "appello per la liberazione degli ostaggi" chiedendo "con forza" si risparmino "soprattutto i civili a Gaza" approntando "corridoi umanitari".

10:02
Scaduta l'ora per il corridoio umanitario da Gaza

Alle 12 italiane (13 israeliane) è scaduto il tempo per il corridoio lasciato da Tel Aviv per lasciare Gaza. "Abitanti di Gaza, negli ultimi giorni vi abbiamo esortato a lasciare Gaza City ed il nord della Striscia e di spostarvi a sud del Wadi Gaza per la vostra sicurezza. Oggi vi informiamo che fra le ore 10:00 e le 13:00 (ora locale, ndr) Israele non colpirà l'itinerario indicato dalla nostra cartina per raggiungere quella zona", aveva reso noto su X il lingua araba il portavoce militare, Avichay Adraee. "Per la vostra sicurezza sfruttate questo breve lasso di tempo per andare a sud. Potete essere certi - conclude Adraee - che i dirigenti di Hamas hanno già provveduto alla protezione loro e delle loro famiglie". Ma il tempo ora è scaduto.

09:52
Raid anti-terrorismo in Cisgiordania: 49 arresti

Nuovo raid antiterrorismo dei militari israeliani in Cisgiordania. Secondo quanto riferito da un portavoce delle Idf, sono stati arrestati 49 sospetti, tra cui 33 membri di Hamas, confiscate armi e 50mila shekel, circa 12mila euro.

09:27
Colpito ospedale anglicano a Gaza

"Il nostro ospedale Arab Ahli a Gaza è stato colpito dagli attacchi israeliani… due piani sono stati danneggiati e 4 persone sono rimaste ferite. La sala ecografie e mammografie è stata danneggiata". Lo fa sapere l'arcivescovo anglicano di Gerusalemme, Hosam Naoum. "Continuiamo a pregare per la pace e la fine della guerra in Terra Santa", è il suo appello sui social nei quali posta le foto della distruzione avvenuta nell'ospedale a Gaza. 

08:53
Altro missile dal Libano su Israele

Un altro missile anti tank è stato lanciato contro soldati israeliani che stavano operando lungo il confine con il Libano. Lo ha fatto sapere il portavoce militare secondo cui l'esercito sta ora colpendo postazioni militari di Hezbollah in territorio libanese

08:20
Tajani: "Sbagliato vietare manifestazioni pacifiche"

"Credo che vietare le manifestazioni in un Paese democratico quando non sono manifestazioni violente, non sia una cosa giusta finché non c'è un allarme che la manifestazione possa degenerare": lo ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani commentando la decisione di Parigi di vietare i cortei pro-Palestina a radio Rtl

08:18
Esercito: "Il raid di Israele sui civili è una menzogna di Hamas"

"È una menzogna di Hamas" che l'esercito israeliano abbiamo colpito in un raid un convoglio di civili palestinesi in fuga dal nord della Striscia di Gaza verso il sud. Lo ha detto il portavoce militare Daniel Hagari in un briefing con la stampa internazionale.

08:03
Israele vieta l'ingresso di civili dal Libano

L'esercito israeliano ha proibito l'ingresso di tutti i civili fino a quattro chilometri dal confine con il Libano. La decisione - secondo i media - è stata spiegata con l'aumento degli attacchi da oltre frontiera. Al tempo stesso l'esercito ha ordinato ai residenti delle zone di confine all'interno dei 4 chilometri di restare vicino ai rifugi.

07:58
Il Papa: "Miei amici argentini fra le vittime dell'attacco di Hamas"

"Penso che sicuramente qualche mio amico è tra loro": è quanto ha detto il Papa parlando ieri sera al telefono con il giornalista e amico israeliano Enrique Cymerman che gli aveva detto che molti argentini sono tra le vittime dell'attacco di Hamas in Israele, tra i feriti, i morti e gli ostaggi. "Lo so, lo so", ha risposto il Papa dicendo di essere "molto vicino" e dando la sua disponibilità ad incontrare le famiglie degli ostaggi israelo-argentini che avrebbero espresso, attraverso il giornalista, questo desiderio. Cymerman gli ha infatti chiesto questo perché questo sarebbe per loro "un grande appoggio". Il giornalista ha postato il video della telefonata con il Papa sui social.

07:17
Un civile israeliano morto e tre feriti in attacco dal Libano

Quattro civili israeliani sono stati feriti da un missile anti tank a Shtula, nel nord di Israele, al confine con il Libano. Uno di questi è poi morto in seguito alle ferite riportate, ha fatto sapere l'esercito citato dai media. L'esercito sta ora rispondendo all'attacco colpendo da dove è partito il fuoco. 

07:08
Israele: nuovo corridoio per lasciare Gaza fino alle 12 (ora italiana)

"Abitanti di Gaza, negli ultimi giorni vi abbiamo esortato a lasciare Gaza City ed il nord della Striscia e di spostarvi a sud del Wadi Gaza per la vostra sicurezza. Oggi vi informiamo che fra le ore 10:00 e le 13:00 (ora locale, ndr)  Israele non colpirà l'itinerario indicato dalla nostra cartina per raggiungere quella zona": lo ha reso noto su X il lingua araba il portavoce militare, Avichay Adraee. "Per la vostra sicurezza sfruttate questo breve lasso di tempo per andare a sud. Potete essere certi - conclude Adraee - che i dirigenti di Hamas hanno già provveduto alla protezione loro e delle loro famiglie". 

07:07
L'esercito israeliano ha iniziato lo sgombero di Sderot

L'esercito israeliano ha iniziato oggi lo sgombero della città di Sderot, situata a ridosso della striscia di Gaza, che è stata teatro di efferatezze da parte di commando di Hamas e che è stata colpita ripetutamente dai lanci di razzi. "Non è questo il momento di restare in città», ha detto il sindaco Allon Davidi. La città conta 30mila abitanti che avranno diritto di soggiornare in pensioni a spese dello Stato in luoghi più sicuri di Israele. Secondo i media, l'evacuazione non è obbligatoria e chi lo ritiene opportuno può restare nella propria abitazione". 

07:06
Il capo di Hamas ha incontrato il ministro iraniano

Il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amirabdollahian, ha incontrato a Doha il leader di Hamas Ismail Haniyeh, secondo l'agenzia iraniana Irna. I due hanno discusso degli sviluppi della guerra tra Hamas e Israele, e convenuto di «continuare la cooperazione per raggiungere tutti gli obiettivi della resistenza e del popolo palestinesi». È il primo incontro a questo livello dopo l'attacco dell'organizzazione terroristica in Israele il 7 ottobre.

07:04
Attacchi Israele: 2.329 morti a Gaza

Il bilancio dei morti a Gaza per gli attacchi di Israele è salito a 2.329, mentre i feriti sono 9.714. Lo ha fatto sapere il ministero della Sanità locale.

07:03
Israele: Ucciso uno dei responsabili dell'attacco al Kibbutz Nirim

 
Israele ha ucciso la scorsa notte nel sud della striscia di Gaza uno dei responsabili della strage avvenuta la settimana scorsa nel Kibbutz Nirim. Lo ha reso noto l'esercito israeliano, secondo cui si tratta di Billal al-Kedra, comandante dell'unità di elite di Hamas nota come 'Nukhbà nella zona di Khan Yunes, nel sud della Striscia. In questo attacco, condotto da aerei da combattimento, ha precisato il portavoce, "sono stati uccisi altri terroristi di Hamas e della Jihad islamica".

07:02
Cina: "Azioni di Israele andate oltre l'autodifesa"

Pechino, 15 ott. - Le azioni di Israele a Gaza sono andate "oltre l'ambito dell'autodifesa" e il governo israeliano deve "cessare la sua punizione collettiva del popolo di Gaza": lo ha detto il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.