New York, 28 gennaio 2021 - La polizia ha bussato forte alla porta di Kellyanne Conway in una bella villa ad Alpine in New Jersey poco prima di mezzogiorno. La più fidata consigliera politica di Donald Trump ha aperto con stupore. Il procuratore della contea di Bergen aveva spiccato un mandato di perquisizione per controllare i suoi computer e gli account di Twitter. Gli agenti hanno analizzato portatili, iPad e telefonini di tutti gli abitanti della casa. Volevano capire da dove fosse partito il messaggio e come mai una foto in topless della stupenda figlia Claudia di 16 anni fosse finita nel seguitissimo account della madre. L’accusa sostiene che sarebbe stata la stessa Kellyanne a postarla sui...

New York, 28 gennaio 2021 - La polizia ha bussato forte alla porta di Kellyanne Conway in una bella villa ad Alpine in New Jersey poco prima di mezzogiorno. La più fidata consigliera politica di Donald Trump ha aperto con stupore. Il procuratore della contea di Bergen aveva spiccato un mandato di perquisizione per controllare i suoi computer e gli account di Twitter. Gli agenti hanno analizzato portatili, iPad e telefonini di tutti gli abitanti della casa. Volevano capire da dove fosse partito il messaggio e come mai una foto in topless della stupenda figlia Claudia di 16 anni fosse finita nel seguitissimo account della madre. L’accusa sostiene che sarebbe stata la stessa Kellyanne a postarla sui social per mortificare o danneggiare l’immagine della figlia ribelle con la quale da diverso tempo ha un rapporto molto difficile e contrastato. Esasperato al punto che la Conway nell’agosto del 2020 ha deciso di lasciare la Casa Bianca e di lavorare solo dietro le quinte come consigliera speciale di Trump, per dedicare più tempo alla risoluzione del difficile e doloroso rapporto con la figlia, aggravato dal fatto che anche il marito pur rimanendo un conservatore è un anti-trumpiano accanito.

Claudia è decisamente orientata a sostenere che solo la madre avrebbe potuto postare la sua foto in topless su Twitter, dopo averla copiata quando il telefonino di Claudia era stato sequestrato dai genitori per ragioni disciplinari. "Penso – dice su in video di TikTok adesso tolto dalla Rete – che mia madre potrebbe averla postata per sbaglio, oppure possa essere stata hackerata, ma la mia maledetta foto era finita sul suo telefonino e non per sbaglio e per questo Kellyannne andrà in galera…".

Oltre alla rabbia però la ragazza ribelle arriva però anche ad aggiungere nei suoi brevi video sulla piattaforma cinese TikTok. "Tutti lo sanno, noi lottiamo come madre contro figlia ma ci amiamo come madre e figlia…". In un secondo video messaggio però sempre su TikTok si vede chiaramente che Claudia e la madre stanno discutendo animatamente e la figlia l’accusa di aver postato la foto per rovinarla.

"Abbiamo agito su ordine della magistratura", dice il capo della polizia di Alpine Christopher Belcolle che ha eseguito la perquisizione della villa di mattoni rossi nella contea dei ricchi e famosi a due passi da New York sull’altra sponda dell’Hudson River. George Conway, il padre di Claudia, che negli anni novanta aveva difeso anche Paula Jones durante il processo intentato contro le presunte molestie di Bill Clinton, con l’arrivo di Trump, si è schierato immediatamente sul fronte politico opposto della moglie. E la stessa Claudia ha usato più volte, come tanti giovani, proprio il sito di TikTok per comunicare tutta la sua rabbia contro le decisioni e i comportamenti di Donald che detestava, mentre la madre lo adorava. La legge federale però in America è chiara: "La distribuzione di foto di minori in posizioni sessuali o oscene sono considerate pornografia minorile che per l’America è un crimine serio sostenuto da pene severe…".

Nei circoli trumpiani però, che Kellyanne ancora frequenta, si fa strada l’ipotesi di attacco cibernetico per la bionda consigliera, mentre avanza l’ipotesi di un complotto del post-Trump con l’obiettivo di fare terra bruciata intorno all’ex-presidente e al suo cerchio magico per evitare che dopo l’assalto al Congresso il tycoon possa tornare sulla scena politica nel 2022 per le elezioni di medio termine o per le presidenziali del 2024.E questa volta anche Claudia la ribella potrà votare.