AL TAGLIO del nastro della 31esima edizione mancano ancora due mesi, ma le adesioni fioccano e quindi è stato necessario mettere a disposizione un padiglione in più: in tutto quindi saranno sei (il 21, il 25, il 26, il 28, il 29 e il 30) per un totale di 60.000 metri quadrati a disposizione del mondo ‘green’. Si preannuncia ambiziosa la nuova edizione di Sana, il salone internazionale del biologico e del naturale in programma a Bologna Fiere dal 6 al 9 settembre. Organizzato da Bologna Fiere in collaborazione con Assobio e Federbio, con i patrocini del ministero dell’Ambiente e del ministero delle Politiche agricole così come col supporto di Ita, Italian trade agency, in fiera sono attesi mille espositori, contro i 900 dell’anno scorso, distribuiti a metà tra comparto food e comparto beauty-benessere: si prevede traineranno una crescita di visitatori del 10-15%, ripartendo dai 40.000 dell’anno scorso.

SANA 2019 si declinerà nei settori Food (padiglioni 28, 29 e 30), col meglio dell’alimentare ‘sostenibile’, Care&beauty, lo spazio dedicato ai produttori di cosmetici biologici e naturali (padiglioni 25 e 26), e Green lifestyle, che proporrà tecnologie, prodotti e soluzioni ecocompatibili «per uno stile di vita sano e responsabile». Arrivano a Bologna anche gli stati generali del bio, in programma il 5 e il 6 settembre: all’insegna del motto ‘Dalla rivoluzione verde alla rivoluzione bio’, si tratta di due giornate di dibattiti e confronti centrati sulle prospettive dell’agricoltura biologica di qui al 2030.