Martedì 11 Giugno 2024

Il futuro passa da educazione finanziaria e formazione

Il futuro passa  da educazione  finanziaria  e formazione

Il futuro passa da educazione finanziaria e formazione

IL FUTURO del risparmio gestito, ora più che mai, passa attraverso tre parole chiave: formazione, consapevolezza ed educazione finanziaria. Temi che troveranno ampio spazio durante la 13esima edizione del Salone del Risparmio, in programma dal 16 al 18 maggio in presenza all’Allianz MiCo di Milano e online su FR|Vision. La kermesse porrà quest’anno grande attenzione al ruolo sociale dell’industria del risparmio e metterà al centro del dibattito sia la formazione professionale continua, sia l’alfabetizzazione finanziaria, con particolare enfasi sulle generazioni più giovani, che rappresentano gli investitori di domani.

"Gli ultimi dati pubblicati a livello europeo confermano, ancora una volta, la limitata alfabetizzazione finanziaria in Italia – commenta Carlo Trabattoni (nella foto in alto), presidente di Assogestioni – Il livello rimane modesto in tutte le fasce della popolazione, ma si rivela particolarmente acuto in alcuni segmenti più vulnerabili, tra cui i giovani. È su di loro che intendiamo concentrarci, raggiungendoli, coinvolgendoli e informandoli anche con i canali digitali a loro più familiari". Per questa ragione – ed è una delle novità di quest’anno – sarà presentato il progetto associativo dedicato all’educazione finanziaria e rivolto ai più giovani: è pensato in collaborazione con Will Media, canale che riunisce una community online di oltre 1,9 milioni di persone e si pone l’obiettivo di generare maggior consapevolezza sulle tematiche più urgenti del nostro tempo. I dettagli saranno svelati durante la seconda sessione della conferenza di chiusura del Salone del Risparmio, prevista giovedì 18 maggio alle 12.15 in Sala Gold. La conferenza sarà dedicata all’importanza di coinvolgere i giovani sulla financial literacy e sulle modalità più opportune per farlo. Chiuderà la giornata una dimostrazione di Taxi 1729 e Will Media, con l’attivazione in diretta dei canali social del progetto.

L’educazione finanziaria sarà anche la colonna portante dell’Educational corner, una vera e propria piazza in cui enti di formazione, università e istituzioni organizzeranno incontri per raccontare la propria offerta formativa, rivolgendosi a operatori del settore, giornalisti, aspiranti consulenti finanziari, studenti e risparmiatori. Dopo il positivo debutto dello scorso anno, sono previsti circa 20 appuntamenti, il doppio rispetto alla scorsa edizione del Salone. Gli operatori potranno contare, inoltre, su circa sessanta ore di formazione professionale e conseguire i relativi crediti formativi, grazie agli accordi stipulati dall’Associazione e dalle società sponsor con Efpa Italia e Cfa.

Per i neolaureati e laureandi, invece, al Salone si terrà la settima edizione dell’iniziativa ‘Icu – Il tuo capitale umano’: i giovani interessati a una carriera nel settore possono infatti caricare il proprio curriculum su una piattaforma dedicata e candidarsi così agli stage offerti dalle società di gestione del risparmio che aderiscono al programma, con la possibilità di essere chiamati per un colloquio proprio nel terzo e ultimo giorno dell’evento, giovedì 18 maggio. Nella stessa giornata saranno anche programmati, in tempo reale, degli ‘speed date’ (letteralmente, ‘incontri di breve durata’) per allargare la rosa di candidati. I numeri dell’edizione 2022 sono stati significativi, con più di 250 ragazzi e ragazze coinvolti nella ricerca di un’opportunità di lavoro nel settore e oltre 3.800 cv registrati sulla piattaforma dall’inizio del progetto.

Sempre nella giornata del 18 maggio, i giovani interessati al percorso tematico realtivo al ‘capitale umano’ potranno partecipare alla conferenza intitolata ‘Dal capitale umano al capitale finanziario: lavoro, risparmio e investimenti per creare valore’ (ore 9.15-11.15 - Sala Brown 1), in cui i docenti Fabrizio Crespi e Mauro Camelia approfondiranno argomenti legati alla finanza personale. A seguire, ecco la testimonianza di Matteo Astolfi (nella foto in basso), head of client group Italy di Capital Group, e una tavola rotonda con professionisti e rappresentanti di società di gestione del risparmio italiane e straniere: i partecipanti potranno ascoltare, tra l’altro, utili consigli sulla pianificazione finanziaria, nonché sulle future scelte professionali.

Occorre ricordare, infatti, che l’educazione finanziaria non è una prerogativa ‘da ricchi’, come comunemente si crede, ma uno strumento fondamentale per garantire che tutti gli individui – uomini e donne, giovani e adulti – diventino risparmiatori informati e consapevoli, in grado di affrontare l’incertezza e pianificare efficacemente il proprio avvenire. Ciò favorisce, di conseguenza, gli investimenti, sostiene le imprese e, in ultima analisi, l’economia in generale. L’industria del risparmio gestito svolge un ruolo cruciale come cinghia di trasmissione tra capitale e crescita e, in tale veste, riconosce il ruolo centrale dell’educazione finanziaria a supporto di risparmiatori e famiglie, in un contesto sempre più complesso e in continuo divenire. Al contempo, anche la formazione dei professionisti gioca un ruolo cruciale nell’accompagnare i clienti verso scelte consapevoli e informate. Al Salone del Risparmio, esperti, consulenti e gestori si riuniscono proprio per confrontarsi sulle mutate esigenze dei risparmiatori e analizzare come migliorare l’educazione finanziaria e le opportunità di formazione dei cittadini.