Una manifestazione di protesta dei pensionati (LaPresse)
Una manifestazione di protesta dei pensionati (LaPresse)

Roma, 1 novembre 2019 - È di tre euro l’anno l’aumento che percepiranno i pensionati che hanno un assegno compreso tra 1.500 e 2.000 euro mensili. È questo l’effetto dell’intervento sulla rivalutazione dei trattamenti contenuto nella legge di Bilancio. Di più non si poteva fare, fanno sapere dal governo, ma per i sindacati si tratta comunque di "un’elemosina". Tuttavia, proprio sul fronte previdenza, c’è l’annuncio del ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo: a gennaio, avvisa, partirà un nuovo cantiere che avrà come obiettivo una ridefinizione dei lavori gravosi e usuranti (con canali di uscita più favorevoli) e la predisposizione di strumenti di flessibilità che prendano il posto di Quota 100 dal 2021.

Arriva, dunque, la mini rivalutazione per i redditi da pensione tra i 1.522 e i 2.029 euro lordi al mese. Nella manovra si prevede il recupero dell’inflazione piena per i trattamenti tra le tre e le quattro volte il trattamento minimo, che quest’anno percepivano il 97% dell’inflazione. L’anno prossimo quindi si recupererà il 100% dell’aumento dei prezzi a fronte del 97% ma questo passaggio equivale ad appena tre euro l’anno in più (circa 25 centesimi al mese) per circa 2,8 milioni di pensionati mentre nulla cambia per coloro che hanno assegni pensionistici superiori a 2.029 euro lordi al mese.
Ma proprio la modestissima entità del beneficio fa insorgere I sindacati che confermano la manifestazione della categoria, prevista nella Capitale per sabato 16 novembre, e ribadiscono le richieste sulla rivalutazione piena per una fascia più ampia dei pensionati, oltre all’estensione della quattordicesima anche alle persone che hanno redditi pensionistici tra i 1.000 e i 1.500 euro al mese.

"Negli ultimi sette anni di blocco della perequazione - avvisa il leader dei pensionati Cgil, Ivan Pedretti - i pensionati hanno lasciato allo Stato 44 miliardi. Il passaggio dal 97% al 100% è un’elemosina". In pratica a fronte di un’inflazione allo 0,3% invece che 76 euro circa in un anno di recupero dell’aumento dei prezzi se ne percepirebbero 79.

"È una rivalutazione imbarazzante – sottolinea, a sua volta, il segretario confederale della Uil Domenico Proietti - Si tratta di pochissimi euro l’anno. Abbiamo chiesto di tornare alla rivalutazione pre Monti-Fornero. Ci batteremo per questo durante l’iter parlamentare". Né da meno è la Cisl. "Noi chiediamo – insiste la segretaria nazionale Fnp-Cisl Patrizia Volponi - che il governo garantisca il potere d’acquisto a tutte le pensioni anche se in materia decrescente in base all’importo della pensione (ma comunque minimo al 75%)". Nel pacchetto pensioni della legge di Bilancio, però, oltre alla rivalutazione, ci sono anche la proroga dell’Ape social e dell’opzione donna. Come anche la mancata cancellazione di Quota 100.