Multe, Asaps: da lunedì 24 luglio aumentano spese di notifica”. Ecco quanto pagheremo per il divieto di sosta

Simulazione anche sulle sanzioni per violazione della Ztl e telefonino alla guida. L’associazione: “Così crescerà il numero di chi non paga”

Roma, 22 luglio 2023 – Multe: in piena rivoluzione Pec – con gli avvisi recapitati direttamente nella casella di posta certificata -, per la posta ordinaria da lunedì 24 luglio scattano gli aumenti delle spese di notifica.  Ne dà notizia il sito di Asaps, che fa 4 simulazioni sui verbali più ‘popolari’ per infrazioni al codice della strada 2023. Ecco cosa ci aspetta.

Multe: da lunedì 24 luglio 2023 aumentano spese postali e procedurali: cosa ci aspetta
Multe: da lunedì 24 luglio 2023 aumentano spese postali e procedurali: cosa ci aspetta
Approfondisci:

Nuovo codice della strada 2023, di quanto aumentano le multe per guida in stato di ebbrezza. Le cifre stellari

Nuovo codice della strada 2023, di quanto aumentano le multe per guida in stato di ebbrezza. Le cifre stellari

Divieto di sosta: “Da 42 euro fino a 73”

Prendiamo uno dei verbali più frequenti, quello per divieto di sosta, 42 euro secondo quanto stabilisce il codice della strada. Spiega Luigi Altamura, comandante della polizia locale di Verona: “L’aggravio per le spese postali dal 24 luglio sarà di 11,05 euro, oggi è di 10,45 euro. Vanno quindi aggiunte le spese procedurali, che indicano ad esempio i costi di stampa e la gestione di un database. Qui ogni comando di polizia locale fa storia a sé e ha le proprie regole, perché fa gare pubbliche”.  I costi extra alla fine diventano esorbitanti, “ecco perché bisogna spingere sulla piattaforma delle notifiche digitali”.

Violazione Ztl:  “Da 83 euro fino a 114”

E se consideriamo sempre la tariffa massima nazionale prevista per le spese procedurali, un verbale per la violazione della zona a traffico limitato lieviterà da 83 euro (la sanzione prevista dal codice) a 114, fa i conti il comandante Altamura.

Alla guida con il telefonino: “Da 165 euro fino a 196”

Infine, se applichiamo lo stesso schema alla multa per guida con telefonino – la pratica più diffusa sulle strade –, anche qui il conto diventa salatissimo, da 165 euro di base previsti dal codice per questa infrazione fino a 196 euro.

"Così la gente pagherà sempre meno”

Il presidente dell’Asaps Giordano Biserni, impegnato da una vita sul fronte della sicurezza stradale, mette in fila: “E’ il terzo aumento, il primo è stato a giugno 2022, il secondo a marzo di quest’anno ed ora a luglio. 

Così si rischia un effetto opposto, la gente pagherà sempre meno le multe”. Aggiunge: “È assurdo che per alcune sanzioni le spese postali e procedurali si avvicinino addirittura all’importo della multa stessa. A gennaio ci siamo battuti e siamo riusciti a fermare l’incremento del 15%. Questa volta l’aumento è arrivato in sordina”.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro