Venerdì 14 Giugno 2024

’Missione zero’ nella fabbrica del futuro Nissan

Il nuovo Qashqai di Nissan, presentato a Sunderland, simbolo del futuro dell'azienda. La fabbrica inglese punta a emissioni zero entro il 2050, con un ciclo produttivo sostenibile. Il crossover ibrido elettrico è il volano di questa trasformazione.

’Missione zero’ nella fabbrica del futuro Nissan

’Missione zero’ nella fabbrica del futuro Nissan

di Giuseppe Tassi

Nuovo Qashqai come messaggero del futuro Nissan. E la gigafactory di Sunderland come laboratorio di una produzione a emissioni zero. È proprio nella fabbrica nel nord dell’Inghilterra, a 60 km dai resti del Vallo Adriano, che la casa giapponese ha stabilito da molti anni il suo avamposto europeo, il suo saldo legame con il Vecchio Continente. Qui sfila con eleganza il restyling della terza generazione del crossover che ha inventato un nuovo segmento, aprendo la strada, nel 2007, al regno delle ruote alte. Con oltre 4,4 milioni di clienti in tutta la sua storia e vendite distribuite in cento paesi del mondo, Qashqai è a buon diritto l’ambasciatore di Nissan e anche il simbolo del futuro. Con la propulsore e-Power (un ibrido virtuoso con la parte elettrica che trasmette costantemente il movimento alle ruote) con una linea più affilata, i passaruota in colore e l’ elettronica di primo livello, Il crossover giapponese è pronto a rinnovare la sua sfida al mercato.

Sunderland è la culla di questo grande successo industriale: una fabbrica estesa su una superficie di 3.237.000 mq capace di assemblare una nuova Qashqai in un ciclo di 18 ore, sfornandone una nuova auto ogni due minuti. Un polo d’eccezione, dove si producono e installano batterie e si completano i processi di pressione delle lamiere, di verniciatura e assemblaggio con la collaborazione di 1200 robot al servizio dei 6.000 dipendenti. Ogni giorno una catena di 30 mila fornitori recapita fino a un milione di pezzi per l’assemblaggio di Qashqai e Juke. Uno straordinario volano economico per la regione che ha radicato il marchio al suolo inglese.

Proprio qui a Sunderland Nissan prepara il suo futuro elettrico con l’obiettivo di arrivare all’intero ciclo di produzione a impatto zero a partire dal 2050 e a una riduzione del 30 % già dal 2030. Il progetto che si chiama EV36Zero e si inquadra nella strategia Ambition 2030, prevede il lancio di Qashqai e Juke in versione elettrica, seguite da una nuova Leaf. Mentre tre nuovi avveniristici concept annunciano le future linee dei crossover giapponesi. Una vera e propria corsa per arrivare a costruire dal 2030 solo auto a impatto zero.

Ma la visione è ben più ampia e articolata e investe l’intera catena produttiva. Il processo si completerà modellando gli stabilimenti Nissan in tutto il mondo sul prototipo ’carbon neutral’ di Sunderland. Già oggi il grande polo inglese trae energia per il 20% da fonti naturali ma il processo è in tumultuoso sviluppo con la costruzione di nuove aree per ospitare pannelli solari e pale eoliche. La nuova Qashqai sfila da reginetta ibrida su questo scenario che guarda dritto in faccia il futuro. E sa che giocherà ancora un ruolo importante.